martedì, 5 Marzo, 2024
Ambiente

Coldiretti: 2022 l’anno più caldo e più disastroso di sempre. La conta di danni e il cordoglio per le vittime degli eventi climatici

L’anno più caldo di sempre con un aumento esponenziale di gravi fenomeni estremi climatici. E’ quanto emerge dall’analisi della Coldiretti su dati Eswd e Isac Cnr rispetto ai primi nove mesi, “in riferimento
all’ultima ondata di maltempo”, sottolinea la Coldiretti, “con alluvioni, frane, esondazioni, danni e vittime per le quali si esprime cordoglio”.

Eventi sempre più disastrosi

Dall’inizio dell’anno gli eventi estremi fra nubifragi, bombe d’acqua, grandinate, bufere di vento e tornado, sono cresciuti rispetto allo stesso periodo del 2021 del +50%, con il 2022 che si classifica peraltro
fino ad ora in Italia come il più caldo di sempre con una temperatura addirittura superiore di quasi un grado (+0,99 gradi) rispetto alla media storica ma si registrano anche precipitazioni praticamente dimezzate lungo la Penisola con un calo del 40%. “L’estate torrida e siccitosa”, fa presente la Coldiretti, “ha devastato i raccolti, assetato città e campagne e accumulato energia termica distruttiva che si è poi scaricata al suolo con la violenza del meteo”.

Nubifragi e grandinate

In Italia è evidente la tendenza ad una tropicalizzazione del clima con le ultime ondate di nubifragi e grandinate che si sono abbattute su terreni secchi. “i quali”, evidenzia la Coldiretti, “non riescono ad
assorbire l’acqua che causa frane e smottamenti con oltre 9 comuni su 10 in Italia (il 93,9% del totale) che hanno parte del territorio in aree a rischio idrogeologico, ma la percentuale sale al 100% per regioni come
le Marche, secondo dati Ispra”.

Aree fragili e cementificate

“Eventi estremi che”, osserva la Coldiretti, “provocano danni perché colpiscono aree rese più fragili dalla cementificazione e dall’abbandono. Nel 2021 sono stati consumati oltre 2 metri quadrati di suolo al secondo, il valore più alto negli ultimi 10 anni”, calcola la Coldiretti, “con il cemento che ricopre ormai 21.500 km quadrati di suolo nazionale, dei quali 5.400, un territorio grande quanto la Liguria, riguardano i soli edifici che rappresentano il 25% dell’intero suolo consumato, secondo il Rapporto elaborato dall’Ispra”.

La scomparsa dei terreni agricoli

Nello spazio di una generazione (25 anni), denuncia Coldiretti, “è scomparso più di 1 terreno agricolo su 4 (-28%) seguendo un modello di sviluppo sbagliato che purtroppo non si è ancora arrestato e mette a
rischio l’ambiente e la sicurezza dei cittadini”, “Per questo occorre fermare subito il consumo di suolo ma sono anche necessari”, continua Coldiretti, “interventi di manutenzione, risparmio, recupero e
riciclaggio delle acque con le opere infrastrutturali, potenziando la rete di invasi sui territori, creando bacini e utilizzando anche le ex cave per raccogliere l’acqua piovana in modo da raccoglierla quando è troppa e gestirne l’utilizzo quando serve”.

Danni per 6 miliardi

La conta dei danni diventa inarrestabile. “L’esplosione degli eventi estremi nel 2022, in media quasi 9 al giorno da nord a sud dell’Italia, ha provocato danni che in agricoltura”, conclude la Coldiretti, “superano già i 6 miliardi di euro dall’inizio dell’anno, pari al 10% della produzione nazionale”.

Condividi questo articolo:
Sponsor

Articoli correlati

Ispra, Laporta confermato alla presidenza

Redazione

Cia-Agricoltura. Dal Pnrr 1.5 mld per l’autonomia energetica delle imprese

Leonzia Gaina

Oggi il primo click day per entrare regolarmente in Italia

Ettore Di Bartolomeo

Lascia un commento

Questo modulo raccoglie il tuo nome, la tua email e il tuo messaggio in modo da permetterci di tenere traccia dei commenti sul nostro sito. Per inviare il tuo commento, accetta il trattamento dei dati personali mettendo una spunta nel apposito checkbox sotto:
Usando questo form, acconsenti al trattamento dei dati ivi inseriti conformemente alla Privacy Policy de La Discussione.