domenica, 26 Gennaio, 2020
Attualità Editoriale

Migranti, superare il trattato di Dublino

“Superare il trattato di Dublino”. Questo il tema di una interessante Giornata di Studio che si è svolta a Napoli presso la sede dell’Istituto Italiano per gli studi filosofi a Palazzo Serra di Cassano. Promotore della iniziativa l’ex Procuratore Nazionale Antimafia, Franco Roberti, oggi europarlamentare nelle file del Gruppo dell’alleanza progressista Socialisti e democratici.

Tanti i relatori, tra cui gli europarlamentari Giuliano Pisapia e Laura Ferrara, il prefetto Mario Morcone, il magistrato Filippo Spiezia, vicepresidente di Eurojust. E poi il presidente dell’Ordine Nazionale dei Giornalisti Carlo Verna, l’avvocato esperto in diritti umani, Hillary Sedu, il vicepresidente della Corte dei Conti, Francesco Fimmanò.

Nella seconda parte della giornata si è svolta poi una tavola rotonda con le testimonianze di alcune positive realtà nel campo dell’accoglienza e dell’integrazione come l’impresa sociale Less a Napoli e la cooperativa Tertium Millennium della zona del Parco Nazionale del Cilento, del Vallo di Diano e degli Alburni , presenti, rispettivamente, con il direttore generale Giulio Riccio e l’animatore e guida spirituale, don Vincenzo Federico.

Gli ospiti italiani e stranieri hanno anche avuto modo di gustare i prodotti di eccellenza della tradizione enogastronomica campana, grazie agli studenti dell’Ipseoa “Duca di Buonvicino”, guidati dalla preside Bruna Musello e dai docenti Felice Franzese, Vincenzo Sapio, Luigi Fiorillo, Salvatore Esposito e Alessandro Lamagna.

Sui temi della giornata abbiamo intervistato il dottor Franco Roberti.

Franco Roberti, Europarlamentare

Procuratore Roberti, lei sostiene che sull’immigrazione è ora di voltare pagina. Come deve avvenire questa “rivoluzione copernicana”?
“Si comincia da una gestione sicura e controllata dei flussi migratori verso il continente. Occorre voltare pagina rispetto alla semplicistica e sterile polemica del respingimento e fare in modo, anche con una più oculate responsabile collaborazione dei media, che gli Stati dell’Unione Europea diventino sempre più luoghi di accoglienza e umanità. Del resto è evidente a tutti che l’immigrazione è un fenomeno globale che necessita risposte di lungo respiro, politiche coraggiose, oneste e lungimiranti. L’accoglienza è un dovere comune ma serve un progetto europea per offrire percorsi alternativi, liberandoci dalle nostre paure”.

Lei ha insistito molto sul terreno della sicurezza: in che modo si può conciliare tutto questo con la solidarietà?
“La sicurezza è un diritto fondamentale dei cittadini ma deve essere associata all’inizio di un percorso che conduca verso una regolata integrazione dei migranti in armonia con i nostri valori e il nostro modello di sviluppo. Servono meccanismi condivisi di distribuzione dei migranti nei Paesi della Unione Europa. Ci sono Paesi che rifiutano di partecipare, ma questo comportamento è contrario ai principi di solidarietà su cui è fondata l’Europa, quindi lede l’Unione europea”.

Perché ha pensato di organizzare un ciclo di incontri su questi temi?
“Quello di Napoli è il primo di un ciclo di incontri che intendo promuovere anche nei prossimi anni per avvicinare l’Europa ai cittadini. Sono sempre più convinto che i territori devono trovare in Europa interlocutori capaci di capire a fondo le loro esigenze e articolarle secondo gli standard di efficienza dell’Unione Europea”.

Related posts

L’immigrazione nella globalizzazione

Angelica Bianco

Migranti, sbagliato parlare di invasione

A. D.

Accoglienza immigrati, ma quanto costa?

Pietro Lauri

Lascia un commento

Questo sito web utilizza i cookies per migliorare l'esperienza di navigazione. Se continui ad utilizzare il sito ne assumiamo che tu sia concorde. Accetta Maggiori Informazioni