giovedì, 5 Dicembre, 2019
Articoli del Giorno Attualità

A Pomezia la scuola di bene comune

Inizia oggi – per concludersi domenica 17 novembre – la prima edizione della “Scuola di bene comune” promossa dalla Presidenza Nazionale di Azione cattolica e dal Movimento Studenti di Azione Cattolica (Msac).

L’appuntamento per le oltre 250 persone che hanno manifestato interesse per l’iniziativa di formazione è all’hotel Selene/Sporting di Pomezia.

Tra i relatori il professor Rocco Pezzimenti, docente di Teorie della politica e di Storia delle dottrine politiche alla Lumsa; Fabio Pizzul, giornalista e consigliere regionale della Lombardia; Beatrice Draghetti, già presidente della provincia di Bologna; Vittorio Sammarco, docente di Comunicazione e politica presso l’Università Pontificia Salesiana; Dino Amenduni, comunicatore politico e pianificatore strategico dell’agenzia di comunicazione Proforma e Agatino Lanzafame, ricercatore di Diritto costituzionale comparato presso l’Università di Catania e già consigliere comunale di Catania.

“Da alcuni anni – spiega il professore Giuseppe Notarstefano, componente del comitato organizzatore – stiamo lavorando per costruire una rete di amministratori locali che provengono dalla nostra realtà associativa ai quali garantire supporto e sostegno nel discernimento. La novità è che abbiamo pensato di agevolare il confronto con gli adolescenti sui temi della democrazia, dell’informazione e della rappresentanza. Questo perché siamo consapevoli, al di là della presenza e del ruolo dei cattolici nella vita pubblica, che è in atto una grave crisi di senso della politica come strumento di partecipazione popolare”.

Di questo e di altro abbiamo parlato con Adelaide Iacovelli, segretaria nazionale del Movimento studenti di Azione Cattolica.

Con quale finalità avete dato vita alla “Scuola di bene comune”?
“L’iniziativa è stata pensata per unire giovani studenti impegnati per il bene comune nelle loro scuole e amministratori locali al servizio delle loro città per capire se insieme è possibile promuovere la democrazia. Di qui i focus di riflessione su “Democrazia è informazione”, perché lo stato di salute dell’informazione di un Paese coincide con la tenuta della sua democrazia, e “Democrazia è rappresentanza”, perché non ci sarebbe democrazia senza chi sceglie di partecipare, mettendo se stesso al servizio della comunità. La scelta di mettere insieme giovani e adulti non è casuale”.

In che senso?
“Abbiamo voluto ricucire uno strappo che notiamo all’interno della società anche per superare una incomprensione che si è venuta a creare tra il mondo della politica e quello dei giovani”.

Dalla scuola nascerà la classe dirigente cattolica del futuro?
“La scuola non è la risposta a una situazione solo contingente, sebbene siamo consapevoli che, ora più di prima, c’è bisogno di giovani che si appassionino alla buona politica, ma è un modo, in generale, di crescere all’interno dell’Azione Cattolica avendo a cuore la realtà che ci circonda, il bene concreto delle persone che poi diventa quello della città. In conclusione, la nostra è una scuola di preparazione di buoni cittadini e di buoni cristiani.

Related posts

Insegnamenti dal passato

Giampiero Catone

Gli studenti coltiveranno pomodori nel fondo agricolo dei boss

c. a.

Una generazione senza storia

Giuseppe Mazzei

Lascia un commento

Questo sito web utilizza i cookies per migliorare l'esperienza di navigazione. Se continui ad utilizzare il sito ne assumiamo che tu sia concorde. Accetta Maggiori Informazioni