martedì, 21 Maggio, 2024
Società

Sipcam Oxon nel 2021 i ricavi +20% oltre i 550 milioni di euro

Il CdA di Sipcam Oxon spa, con sede a Pero (MI), primo gruppo tra quelli di proprietà totalmente italiana e tra i primi 20 nel ranking mondiale del settore dell’agrofarmaco, ha approvato il bilancio di esercizio 2021. I ricavi consolidati sono stati pari a 554,2 milioni di euro con un incremento del 20%, pari a 93,1 milioni di euro, rispetto al 2020 (461,1 milioni di euro). L’EBITDA consolidato si è attestato a 71,0 milioni di euro (pari al 13% sui ricavi) rispetto a 51 milioni del 2020, con un incremento di circa 21 milioni di euro, pari al 41%. Il Margine operativo netto (quindi dopo gli ammortamenti) è risultato pari a 47,1 milioni di euro (8,5% sui ricavi) rispetto a 29,2 milioni registrati nel 2020.

Sipcam Oxon, che ha 1.000 dipendenti circa al mondo e stabilimenti produttivi in Australia, Brasile, Cina, Spagna e Italia, con gli impianti di Mezzana Bigli (PV, 190 dipendenti), Salerano sul Lambro (LO, 180 unità), Lodi (35), opera nella sintesi di principi attivi, formulazione e commercializzazione di prodotti per l’agricoltura (agrofarmaci di sintesi e naturali, biostimolanti e fertilizzanti) e nella produzione e vendita di prodotti chimici intermedi. Caratterizzato da una forte vocazione alla internazionalizzazione, il gruppo è presente con uffici commerciali, oltre che nei principali paesi europei, in tutti i continenti: Argentina, Australia, Brasile, Cile, Cina, Cuba, Egitto, Giappone, Marocco, Messico, Paraguay, Stati Uniti, Thailandia e Tunisia.

“Siamo soddisfatti del risultato – affermano Giovanni Affaba e Nadia Gagliardini, rispettivamente ceo e presidente di Sipcam Oxon – tutti gli indicatori sono positivi e, malgrado l’incertezza dovuta alla guerra in Ucraina, ci consentono di affrontare il futuro in modo ponderato, mantenere l’indipendenza del gruppo e mirare a prospettive di medio e lungo termine senza farsi condizionare dai risultati nel breve. In un comparto in cui cinque multinazionali controllano oltre il 70% di agrofarmaci e semi, siamo una delle poche realtà indipendenti capaci di portare nel mondo soluzioni innovative per le filiere agricole nell’ottica di una crescente sostenibilità. La volontà è di crescere in maniera organica in tutti i mercati, optando per uno sviluppo graduale che sappia cogliere tutte le opportunità”.

Condividi questo articolo:
Sponsor

Articoli correlati

Artigiani, la Cna: Politici non state alla finestra. Il premier Conte: “Sono dalla vostra parte”

Maurizio Piccinino

Deutsche Bank, l’anno della pandemia ha fatto segnare -10,5 miliardi

Giulia Catone

Nel 2020 in calo ricavi per carta stampata e tv

Marco Santarelli

Lascia un commento

Questo modulo raccoglie il tuo nome, la tua email e il tuo messaggio in modo da permetterci di tenere traccia dei commenti sul nostro sito. Per inviare il tuo commento, accetta il trattamento dei dati personali mettendo una spunta nel apposito checkbox sotto:
Usando questo form, acconsenti al trattamento dei dati ivi inseriti conformemente alla Privacy Policy de La Discussione.