lunedì, 28 Novembre, 2022
Attualità

Amnesty: Fifa deve risarcire i lavoratori in Qatar

Non si placa lo scandalo sui diritti umani e dei lavoratori per quanto riguarda l’organizzazione della Coppa del Mondo Fifa 2022 in Qatar. In una lettera al presidente Gianni Infantino, Amnesty International, insieme ad altre associazioni e organizzazioni che lottano contro ogni forma di oppressione dei diritti umani, hanno affermato che l’organo di governo del calcio mondiale dovrebbe collaborare con la nazione ospitante per proteggere i diritti dei lavoratori migranti e risarcirli con 440 milioni di dollari per le violazioni subite durante i preparativi della kermesse calcistica mondiale.

“La Fifa dovrebbe mettere a disposizione almeno 440 milioni di dollari per risarcire centinaia di migliaia di lavoratori migranti vittime di sfruttamento a partire dal 2010, quando la Coppa del mondo del 2022 venne assegnata al Qatar”. È quanto denuncia Amnesty International in una lettera aperta, sottoscritta da una coalizione di organizzazioni per i diritti umani e da sindacati e da gruppi di tifosi. Da Amnesty l’appello a Gianni Infantino per “lavorare insieme alle autorità del Qatar per la definizione di un programma di risarcimenti e per garantire che quelle forme di sfruttamento non si ripetano nello stesso Qatar e in occasione dei successivi mondiali di calcio. La somma di 440 milioni di dollari che dovrebbe essere usata per risarcire i lavoratori migranti equivale a quella versata dalla Fifa per l’organizzazione dei mondiali di calcio del 2022 in Qatar”.

“Dati i precedenti del Qatar per quanto riguarda le violazioni dei diritti umani, la Fifa sapeva, o avrebbe dovuto sapere, che affidando a questo stato i Mondiali di calcio, i lavoratori avrebbero corso dei rischi”, sottolinea AgnEs Callamard, Segretaria generale di Amnesty International.

“Ciò nonostante, quando venne esaminata la candidatura del Qatar, non ci fu alcun riferimento a ciò e non vennero poste condizioni circa la protezione dei lavoratori – ha aggiunto – Da allora, la Fifa ha fatto ben poco per prevenire o mitigare tali rischi. Chiudendo un occhio di fronte a violazioni dei diritti umani del tutto prevedibili e non contrastandole, la Fifa ha indubbiamente contribuito al massiccio sfruttamento dei lavoratori migranti impiegati nei progetti relativi ai mondiali di calcio, non solo agli stadi e agli alberghi ufficiali”, ha aggiunto Callamard.

Per Amnesty, dunque, la somma di 440 milioni di dollari “è probabilmente il minimo necessario per coprire i costi dei risarcimenti e delle iniziative di sostegno per proteggere in futuro i diritti dei lavoratori. Ma tenendo conto del rimborso totale degli stipendi non pagati e degli esorbitanti versamenti alle agenzie di collocamento, insieme ai risarcimenti per le morti e gli infortuni sul lavoro, tale somma potrebbe essere ben più elevata”. La Fifa, dal canto suo, ha ribadito il suo impegno ad attuare un processo di due diligence a tutela dei lavoratori coinvolti, sottolineando come comunque il Mondiale abbia fatto da “catalizzatore per importanti riforme dei diritti del lavoro”. Al contempo, da Zurigo prendono atto della lettera e fanno sapere di “stare valutando la proposta” di un programma di risarcimenti.

Sponsor

Articoli correlati

Mondiali2022: Infantino mostra la “carta verde per il pianeta”

Redazione

I diritti universali dell’umanità

Mario Scali

Coppa Fifa 2022, ennesimo goal per l’economia del Qatar

Lorenzo Romeo

Lascia un commento

Questo modulo raccoglie il tuo nome, la tua email e il tuo messaggio in modo da permetterci di tenere traccia dei commenti sul nostro sito. Per inviare il tuo commento, accetta il trattamento dei dati personali mettendo una spunta nel apposito checkbox sotto:
Usando questo form, acconsenti al trattamento dei dati ivi inseriti conformemente alla Privacy Policy de La Discussione.