lunedì, 26 Febbraio, 2024
Regioni

Protocollo Fiera Milano-Agenzia Dogane per tutelare il Made in Italy

Firmato questa mattina tra Agenzia delle Accise, Dogane e Monopoli (Adm) e Fiera MILANO un protocollo
d’intesa su lotta alla contraffazione e tutela del Made in Italy, con l’obiettivo di promuovere occasioni di incontro e sensibilizzare ad acquisti sicuri e consapevoli. Secondo i dati di Indicam, il giro d’affari della contraffazione in Italia vale oltre 12 miliardi di euro, con un danno alle imprese di 935 milioni e all’erario di oltre 10 miliardi. L’intesa, quindi, è volta a sviluppare sinergicamente nuove forme di collaborazione per diffondere maggiormente tra gli operatori di settore la conoscenza degli strumenti di tutela dei diritti di proprietà intellettuale. In tal modo, si intensifica la sinergia di Fiera MILANO con Adm, già presente negli spazi del quartiere fieristico a Rho con una propria sezione operativa.

In occasione della firma del protocollo, è stato inaugurato nel foyer del Centro Servizi di Fiera MILANO a Rho uno spazio museale temporaneo dove Adm ha concesso in esposizione una vettura interamente contraffatta, una riproduzione di una Ferrari Dino 196 S del 1958 gialla. Presenti al taglio del nastro l’amministratore delegato di Fiera MILANO Luca Palermo, il direttore di Adm Marcello Minenna e l’assessora del Comune di MILANO allo Sviluppo economico Alessia Cappello. ”Un patrimonio industriale e culturale che va tutelato e difeso dalle contraffazioni per garantire la competitività e la riconoscibilità del Made in Italy nel mondo – è il commento dell’ad Palermo – La partnership con ADM avvalora una serie di servizi che offriamo ai nostri espositori in Fiera, tra cui la possibilità di usufruire di un apposito Servizio di Proprietà Intellettuale, uno sportello di tutela rapido ed efficace, che consente un intervento immediato a tutela dei diritti di proprietà intellettuale lesi o minacciati nel corso di un evento”.

“Come Mise e come Governo – ha dichiarato il viceministro allo Sviluppo economico Gilberto Pichetto – siamo impegnati nel sostenere tutte le iniziative che mirano a favorire la competitività delle nostre imprese sui mercati esteri, con particolare attenzione al settore fieristico, attraverso la valorizzazione e la promozione delle eccellenze del Made In Italy e nel contrasto alla contraffazione. È un tema per noi prioritario: ben vengano dunque iniziative quale quella promossa oggi, con la stipula di un accordo che va esattamente in questa direzione”. In attesa che si sviluppi l’iter in Parlamento, a seguito dell’approvazione da parte del Consiglio dei ministri del disegno di legge di revisione del Codice di proprietà industriale che contempla anche la protezione temporanea di disegni e modelli nell’ambito delle fiere, CFI – Comitato Fiere Industria – ha dato vita ad un progetto che prevede una informativa puntuale e diretta sui servizi che il Ministero per lo Sviluppo Economico (attraverso la propria Direzione Generale per la Lotta alla Contraffazione) offre sul tema della tutela dei diritti di proprietà industriale.

“Nella consapevolezza – aggiunge Pichetto – che la lotta al falso e insieme la promozione della proprietà industriale rappresentano un tassello imprescindibile della nostra politica industriale, il Mise ha messo le basi per la revisione del Codice di proprietà industriale, un provvedimento di attuazione del Pnrr che, con uno stanziamento di 30 milioni di euro, ha nella lotta alla contraffazione il suo perno fondamentale”.

Condividi questo articolo:
Sponsor

Articoli correlati

Coldiretti, chiude vendemmia, addio a 1 bottiglia su 5

Redazione

Coldiretti: eccellenze italiane nel mirino delle imitazioni. L’errore del Financial Times

Leonzia Gaina

Federalimentare-Censis: industria alimentare italiana fondamentale per la crescita del Paese

Paolo Fruncillo

Lascia un commento

Questo modulo raccoglie il tuo nome, la tua email e il tuo messaggio in modo da permetterci di tenere traccia dei commenti sul nostro sito. Per inviare il tuo commento, accetta il trattamento dei dati personali mettendo una spunta nel apposito checkbox sotto:
Usando questo form, acconsenti al trattamento dei dati ivi inseriti conformemente alla Privacy Policy de La Discussione.