mercoledì, 17 Agosto, 2022
Regioni

Piemonte, dall’Ordine degli Psicologi 4 incontri sul processo creativo

TORINO (ITALPRESS) – L'Ordine degli Psicologi del Piemonte (OPP), in collaborazione con la Fondazione Circolo dei lettori, presenta un ciclo di quattro incontri dal titolo "Zone cieche e punti di luce. Le dimensioni psicologiche della creatività": un percorso aperto a tutti, che mira ad esplorare il legame tra psicologia e processo creativo. Ad accompagnare il pubblico ci saranno tre scrittori tra i più brillanti e amati della letteratura italiana contemporanea: Chiara Gamberale, Massimo Gramellini e Emanuele Trevi. Attraverso le pagine di romanzi e saggi ricchi di risonanze psicologiche, i partecipanti verranno guidati in un percorso che li porterà ad esplorare il ruolo della psicologia nel contesto della creatività. Le tematiche che verranno affrontate in questa serie di incontri diventano particolarmente importanti se collocate in uno scenario nazionale ancora obbligato a fare i conti con i postumi di un'emergenza sanitaria che ha cambiato il modo in cui le persone si rapportano con sé stesse. Per questo motivo, l'importanza di conoscersi a fondo, di esplorare e comprendere le proprie "zone cieche", per iniziare un viaggio di rinascita verso i propri "punti di luce", sembra essere oggi ancora più urgente e importante. Tutti gli incontri saranno guidati da Riccardo Bernardini, Psicologo e Psicoterapeuta, Segretario dell'Ordine degli Psicologi del Piemonte, che dialogherà con gli ospiti Chiara Gamberale, Massimo Gramellini e Emanuele Trevi, nell'idea di esplorare il collegamento tra la psicologia e la dimensione creativa, con particolare riferimento alla scrittura. Gli appuntamenti si terranno presso la Sala Grande della Fondazione Circolo dei lettori, in Via Bogino, 9, Torino. (ITALPRESS). sat/com 22-Feb-22 11:29

Sponsor

Articoli correlati

In Sicilia 7.917 nuovi casi di Covid e 51 decessi

Redazione

Sardegna, Solinas “riequilibrio compiti e ruoli per Regione più vicina”

Redazione

Un nuovo bosco urbano al Campus Bio-Medico di Roma

Redazione

Lascia un commento