giovedì, 26 Maggio, 2022
News Italpress

Boggio Robutti (Feduf) “Educazione finanziaria decisiva per i giovani”

ROMA (ITALPRESS) – "L'educazione finanziaria costruisce una componente di cittadinanza senza la quale i giovani non potranno affrontare la sostenibilità economica del proprio futuro perché non avranno gli strumenti per capire e per scegliere consapevolmente, per esempio rispetto ai temi della previdenza". Lo ha detto Giovanna Boggio Robutti, dg di FEduF (Fondazione per l'Educazione Finanziaria e al Risparmio), che in un'intervista all'Italpress, in occasione della Giornata internazionale dell'educazione, ha sottolineato l'importanza della promozione dell'educazione finanziaria, anche alla luce della necessità di una transizione economico-culturale negli italiani.
"In questa giornata – ha evidenziato -, per noi è vitale parlare di una forma di educazione che in Italia non è ancora così diffusa me che è fondamentale per i ragazzi". Per Boggio Robutti "attraverso la scuola e le famiglie bisogna cominciare a far sì che i ragazzi ricevano, nelle modalità più adatte alla loro età, informazioni di carattere economico con le quali devono cominciare a familiarizzare".
Secondo i dati Consob, emersi dall'ultimo rapporto sulle scelte di investimento delle famiglie italiane, le conoscenze finanziarie di base risultano ancora poco diffuse. In questa situazione, ci si chiede se possano essere sufficienti gli strumenti oggi disponibili nel Paese o se forse si debba fare di più. "Abbiamo tantissimi strumenti", ha spiegato la dg di FEduF, parlando anche di "programmi di educazione finanziaria validi". "Secondo me, quello che manca nel nostro paese – ha aggiunto – è una visione sistematica, attraverso la quale queste iniziative trovino una cornice, un'architettura generale. Finché restano iniziative singole o sporadiche – ha proseguito – non si riesce a incidere. Nella giornata dell'educazione quello che vogliamo sottolineare è che si sta cercando di costruire una forma di cultura che nel nostro paese non c'è ancora". Ciò che è necessario, secondo Boggio Robutti, è diffondere "l'educazione economica di base". "Non si parla di fare diventare tutti esperti – ha evidenziato – ma di mettere le persone nelle condizioni di capire quali sono le proprie esigenze finanziarie e di scegliere le soluzioni migliori. È qualcosa che deve fare chi governa il Paese insieme alla scuola e alle famiglie. Si tratta di fare sintesi, di fare sistema e impostare una progettualità continuativa che dia modo a tutte le forze in campo di agire sotto una regia unica".
Con la pandemia è emersa anche l'importanza della rete, con un aumento delle attività svolte online.
Per il dg di FEduF si tratta di "un'enorme opportunità che la pandemia ha accentuato ma che porta dietro anche un rischio, se non c'è cultura e consapevolezza". Per esempio, le "piattaforme di trading online sono strumenti ottimi e positivi – ha spiegato – ma possono rappresentare boomerang soprattutto per i giovanissimi, se non vengono inquadrati in una cultura di consapevolezza. Dall'ultimo rapporto Consob sugli italiani e le loro attitudini al risparmio – ha continuato – emerge che c'è una nuova generazione di investitori che utilizzano il trading online ma che sono culturalmente meno evoluti di chi tradizionalmente investiva in prodotti finanziari. È un rischio perché i giovani si muovono perfettamente sulle piattaforme ma non è detto che siano consapevoli di che cosa stanno facendo e delle possibili conseguenze".
Di fronte all'esigenza di fornire strumenti per affrontare temi così complessi è nata la piattaforma didattica "Investiamo sul futuro", un percorso formativo realizzato dalla collaborazione tra FEduF (ABI) e ASVIS. "Tutti questi temi dell'educazione finanziaria – ha detto – portano dietro il tema della sostenibilità. Aiutare i ragazzi a capire quali scelte fare per il loro futuro economico significa anche dare loro sostenibilità economica per il futuro". Si uniscono, quindi, i temi dell'educazione finanziaria con quelli della "sostenibilità economica", parlando "ai ragazzi di tutti i nuovi paradigmi economici, come l'economia circolare, in cui vivono".
(ITALPRESS).
ym/fsc/red
24-Gen-22 14:17

Sponsor

Lascia un commento