lunedì, 8 Agosto, 2022
Attualità

Addio a Mario Macalli, una vita dedicata a Serie C e Lega Pro

La Serie C e la Lega Pro sono a lutto: è scomparso l’ex presidente Mario Macalli. Nato a Milano il 19 marzo del 1937, aveva iniziato l’attività di dirigente sportivo nel 1962, ricoprendo il ruolo di vicepresidente del Pergocrema, oggi Pergolettese. Da lì, nel 1977, era sbarcato nella Lega Nazionale Serie C, come dirigente federale.

Lasciata la carica di vicepresidente del Pergocrema nel 1986, un anno dopo è diventato vice presidente della Lega Professionisti di Serie C. Dopo un decennio, esattamente nel 1997, è stato eletto presidente della stessa Lega, per poi essere confermato nel 2000, nel 2004 e nel 2008, avviando la grande riforma che ha trasformato l’organo in Lega Italiana Calcio Professionistico, da tutti nota come Lega Pro. Sotto la sua presidenza anche il cambio nelle denominazioni da Serie C1 a Lega Pro Prima Divisione e da Serie C2 a Lega Pro Seconda Divisione.

“Ha creduto fortemente nel ruolo della Serie C, come fucina di giovani calciatori e come il calcio dei Comuni d’Italia”, ha scritto l’attuale presidente della Lega Pro, Francesco Ghirelli, su Twitter. Dal 2009 al 2012, inoltre, è stato vice presidente della Figc. Nel 2012 la rielezione, per il quinto mandato, alla guida della Lega Pro. Nel 2015 la sezione disciplinare del Tribunale federale nazionale lo ha inibito per 6 mesi per aver registrato nel febbraio 2011 quattro marchi (Pergocrema, Pergocrema 1932, Pergolettese e Pergolettese 1932) riconducibili a potenziali nuove società.

Qui sono iniziati i “problemi” di Macalli, che nell’estate dello stesso anno ha rassegnato le dimissioni da presidente della Lega Pro, al pari di tutto il consiglio direttivo. Lo stesso Macalli, però, ha sempre respinto al mittente le accuse ricevute: “Dalla Lega Pro sono andato via dimettendomi. Su di me arrivarono tonnellate di fango, che non meritavo dopo 40 anni dedicati al calcio”.

Sponsor

Articoli correlati

Jole Santelli: ‘la meglio gioventù’ della seconda repubblica

Gianfranco Rotondi

Calcio: report Aic, 114 atti intimidazione in ultime due stagioni

Gianmarco Catone

Il razzismo? Si batte con l’educazione

Carmine Alboretti

Lascia un commento