giovedì, 22 Febbraio, 2024
Attualità

Monsignor Paglia, ospite di Confartigianato: la vecchiaia, non è scarto ma futuro

Il tema della terza età, al centro del ciclo di incontri “A colloquio con…”, promossi da Confartigianato che ha visto protagonista Monsignor Vincenzo Paglia, Presidente della Pontificia Accademia per la vita.

Impegno di tutti

“Dobbiamo sconfiggere l’idea della vecchiaia come scarto”, ha esordito Monsignor Vincenzo Paglia, “come abbandono e impegnarci tutti a ripensarla come un tempo da inventare, pieno di energia e di futuro”.

Il Presidente della Pontificia Accademia per la vita, ha sintetizzato il messaggio del suo libro ‘L’età da inventare’ dedicato ad approfondire il tema della vecchiaia con una lettura innovativa che impone una nuova attenzione da parte di tutti, istituzioni e attori economici e sociali.
A cominciare proprio da Confartigianato che ha ospitato Monsignor Paglia nell’ambito del ciclo di incontri “A colloquio con…”.

Il ruolo di Confartigianato

Il Presidente Granelli, nell’introdurre l’incontro, ha ricordato che, quest’anno, la Confederazione si è confrontata con il Professor Alberto Brambilla, con l’On. Enrico Letta, con l’On. Luigi Marattin, con il
Prof. Giulio Sapelli, con l’On.Francesco Paolo Sisto. Interlocutori con i quali sono stati approfonditi diversi temi di carattere politico, economico e sociale del Paese per tracciare le prospettive del futuro
post pandemia.

Il danno della pandemia

E proprio alla pandemia e alle tante vittime soprattutto anziane colpite dal Covid ha fatto riferimento Monsignor Paglia nell’indicare l’urgenza di un nuovo impegno nei confronti della vecchiata. “Che”, ha detto, “è un tempo di brace, non di cenere.

Il più grande e insidioso nemico della vecchiata è l’idea che ne abbiamo. Un’idea essa stessa vecchia e falsa che ci impedisce di compiere scelte appassionate per progettare e reinventare gli anni che ci sono dati da vivere. Dobbiamo svegliarci dalla rassegnazione”, ha sottolineato monsignor Paglia, “e pensare a questo tempo da inventare, coinvolgendo tutte le generazioni e rafforzandone i legami. L’allungamento della vita è una benedizione, ma oggi servono interventi economici, politici, culturali, spirituali, di nuovo umanesimo capaci di restituire energia e valore a questo tempo della nostra vita”.

Un tema prioritario

Di vecchiaia si è parlato, inoltre, non soltanto per aspetti come le pensioni o la disabilità. La vecchiaia è tema prioritario per il nostro Paese. Bisogna costruire un progetto complessivo che parte dalla
tessitura di nuove relazioni tra generazioni, e capace, come ha detto usando un’efficace metafora Monsignor Paglia, di “creare nuovi ascensori e scale di collegamento in quel palazzo dove vivono quattro generazioni”.

Commissione a Palazzo Chigi

Ed è su questa intuizione che nei prossimi giorni si insedierà a Palazzo Chigi una Commissione, presieduta da Monsignor Paglia, con il compito di approfondire il tema. A questo proposito, Monsignor Paglia ha sollecitato il contributo di proposte da parte di Confartigianato.

“I legami”, ha detto, “non si costruiscono in serie. Nessuno più di voi artigiani è in grado di tessere con tecniche umane le reti di relazioni intergenerazionali, necessarie per trasmettere ai giovani la ricchezza
dell’esperienza e restituire così valore all’età della vecchiaia”.

Artigianato e generazioni

Monsignor Paglia ha fatto riferimento al rilancio delle attività artigiane per ricucire il rapporto tra generazioni e ridare vita ai luoghi del Paese che rischiano lo spopolamento.

Un appello raccolto dai rappresentanti del Sistema Confartigianato e che il Presidente Granelli ha sintetizzato sottolineando il ruolo degli artigiani e dei piccoli imprenditori “quali attori economici e sociali
del Paese, capaci di impegno straordinario per la valorizzazione della persona”.

Condividi questo articolo:
Sponsor

Articoli correlati

Auto elettriche: Xi chiede aiuto ad Orban

Ettore Di Bartolomeo

Elogio della folla

Tommaso Marvasi

Moda. Pietrella (Confartigianato): settore in grave difficoltà, a rischio produzione e lavoro

Marco Santarelli

Lascia un commento

Questo modulo raccoglie il tuo nome, la tua email e il tuo messaggio in modo da permetterci di tenere traccia dei commenti sul nostro sito. Per inviare il tuo commento, accetta il trattamento dei dati personali mettendo una spunta nel apposito checkbox sotto:
Usando questo form, acconsenti al trattamento dei dati ivi inseriti conformemente alla Privacy Policy de La Discussione.