martedì, 30 Novembre, 2021
Salute

Sanità, cittadini e medici insieme per il “Patto per la salute”

Il progressivo definanziamento del Servizio sanitario nazionale, la creazione di tanti servizi sanitari diversi (per liste d’attesa, modelli organizzativi, procedure di emergenza-urgenza, integrazione ospedale-territorio, dotazione e composizione del personale, accesso all’innovazione, coperture vaccinali, screening oncologici) e l’aumento della spesa out of pocket per cure e prestazioni, la carenza di personale medico-specialistico e infermieristico, dovuta all’errata programmazione, minano invece i diritti garantiti dagli articoli 3 e 32.

Come rimediare? Cittadini e medici – rappresentati rispettivamente da Cittadinanzattiva e dalla Federazione nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri (Fnomceo) – hanno siglato nei giorni scorsi presso la sede di Confcooperative il “Patto per la Salute”. I punti essenziali sono: rifinanziare il Servizio Sanitario Nazionale, rivedendo i criteri di riparto del Fondo Sanitario a partire dai reali bisogni di salute della popolazione; superare la logica del superticket; reinvestire i risparmi derivanti da una buona governance sanitaria all’interno dello stesso Servizio Sanitario Nazionale.

Medici e cittadini, dunque, dettano alla politica la ricetta per ristabilire l’universalità e l’equità d’accesso al diritto alla salute, porre fine alle disuguaglianze, partendo dal lavoro sviluppato dalla Strategia nazionale per le Aree interne; riorganizzare le reti dell’offerta ospedaliera e dell’assistenza territoriale;

valutare i fabbisogni del personale del Servizio Sanitario nazionale e dei cittadini che vi accedono; implementare le infrastrutture e i modelli organizzativi per realizzare il sistema di interconnessione dei sistemi informativi del Servizio sanitario nazionale; promuovere azioni che valorizzino l’autonomia e l’indipendenza della professione medica, a garanzia del diritto all’autodeterminazione del paziente: tra le più importanti e urgenti, la revisione dei limiti nella prescrizione dei farmaci, da attuarsi coinvolgendo nei Tavoli dell’Aifa le organizzazioni civiche e le federazioni ordinistiche mediche.

Sponsor

Articoli correlati

Tumori, è made in Italy la terapia intelligente

Francesco Gentile

Fnomceo, mascherine problema ambientale se non smaltite correttamente

Francesco Gentile

Ordini dei Medici, uno spot per aver fiducia nella scienza

Angelica Bianco

Lascia un commento