lunedì, 6 Dicembre, 2021
Regioni

Ordine medici Palermo “Minacce per esonero vaccino, denuncia alla Digos”

PALERMO (ITALPRESS) – "I medici sono sotto pressione e ci chiedono aiuto. Anche in Sicilia cominciano a essere bersagliati dai pazienti negazionisti che pretendono esami gratuiti prima di essere vaccinati contro il covid o il certificato di esenzione per avere il green pass. Al rifiuto sono minacciati di denuncia alla più piccola reazione avversa dopo la somministrazione". A denunciarlo il presidente dell'Ordine dei medici di Palermo Toti Amato e consigliere del direttivo Fnomceo e il presidente dell'Albo medici dell'Omceo Giovanni Merlino, che hanno già allertato la questura dopo le tante segnalazioni dei medici. "Le richieste di esenzione sono continue e non si riesce più a gestire – proseguono Amato e Merlino – la pretesa di ulteriori accertamenti gratuiti e non necessari per trovare qualche elemento che permetta di sottrarsi al vaccino e ottenere allo stesso tempo il green pass. Purtroppo ai no vax non basta spiegare che non serve a nulla intimidire il singolo medico – sottolineano – perché nessun professionista può prescrivere esami gratuiti se non sono garantiti dal Servizio sanitario pubblico". L'Ordine dei medici – si legge in una nota – ricorda ai cittadini che i motivi dell'esonero dal vaccino sono tassativamente elencati in una circolare del Ministero della Salute. L'esenzione dalla somministrazione è prevista solo "in presenza di specifiche condizioni cliniche documentate, o per ipersensibilità al principio attivo o a uno qualsiasi degli eccipienti del vaccino oppure, relativamente ad AstraZeneca e Johnson&Johnson, se il soggetto ha in precedenza manifestato sindrome trombotica o episodi di perdita capillare". (ITALPRESS). fag/com 31-Ago-21 14:32

Sponsor

Articoli correlati

Basilicata, linea bus della cultura unisce il Vulture a Matera

Ettore Di Bartolomeo

Covid, Lopalco “Puglia pronta ad avviare lo screening nelle scuole”

Redazione

Piemonte, Cirio “Sulla scuola lavoriamo insieme al Governo”

Redazione

Lascia un commento