mercoledì, 8 Dicembre, 2021
Società

Macroregione Mediterranea: la strategia dell’integrazione

Il Mediterraneo al momento dell’allargamento dell’Unione Europea ha assunto  due alternative, ben diverse tra loro. La prima è quella di considerare il Mediterraneo principalmente come una questione di sicurezza; la seconda è quella di considerare il Mediterraneo come una nuova area di cooperazione, in cui stabilire delle relazioni speciali nel contesto di una più ampia politica del vicinato, che dovrà riguardare tutto l’arco delle regioni vicine all’Unione, dal Maghreb alla Russia.

Ampliando ed amplificando  questa già consolidata visione  europeista,  si sviluppa  il grande assioma che caratterizza Macroregione  Mediterranea, sviluppando  azioni  di  inclusione  e di cooperazioni,  di rete  e di scambi, in una  nuova  visione globale interculturale. In tale ottica, il Mediterraneo con tutte le sue diversità diventa una cerniera di pace e di cooperazione, il centro di un’ampia regione politica ed economica che va dalla Spagna al Mar Nero e al Golfo Persico, partendo non da una posizione eurocentrica, chiusa e unilaterale, ma in base a una certa idea di co-appartenenza che già, esiste all’interno dei processi in corso e che va però rafforzata con decisione e coraggio.

Quindi Macroregione Mediterranea intervenendo  con la sue azioni favorisce gli scambi, le interazioni e le sinergie tra i vari partners, favorisce il rafforzamento reciproco tra azione politica, cooperazione economica e dialogo tra culture e civiltà. consente di riunire attorno allo stesso tavolo governi altrimenti lontani. Quanto alla cooperazione, essa permette di tenere conto delle particolarità e dei bisogni specifici di ogni partner nella realizzazione degli obiettivi regionali comuni. Attraverso la governance multilivello la collaborazione è assicurata. Le Macroregioni sono nuove forme rafforzate di governo della Unione Europea, perché facilitano il consenso su temi di interesse comune, tra realtà territoriali di Stati membri appartenenti ad una stessa area, anche coinvolgendo realtà territoriali extraeuropee.Promuovono e sviluppano azioni in campi di interesse comune quali economia, ambiente, energia, salute, trasporti, istruzione e cultura, lotta alla criminalità, ricerca e innovazione, assistenza sociale, tutela dei minori, turismo. Sono strumenti comunitari nati con lo scopo di favorire la partecipazione al processo decisionale non solo degli Stati ma anche delle Regioni, degli Enti Locali e della Società Civile in aree geografiche circoscritte, promuovono sinergie piuttosto che discriminazioni e sovrapposizioni.


VALORI E PRINCIPI
Macroregione Mediterranea si  pone come attore  principale per rafforzare tale strategia, partendo dai  vari interessi comuni tra paesi del Mediterraneo, col riconoscimento in tutta l’area mediterranea  di quei valori e quei principi che sono alla base della stessa costruzione europea, a cominciare dai diritti umani, la cui accettazione  costituisce un importante mezzo per rafforzare la credibilità della  proposte politiche dei  paesi mediterranei. Quindi tra gli obiettivi  troviamo – oltre ad una  liberalizzazione degli scambi commerciali delle regioni vicine, fattore di modernizzazione dei sistemi economici e sociali, –  il dialogo interculturale che assume un  ruolo fondamentale e centrale. L’interazione dei vari paesi non è solo un elemento di politica estera, ma è un potente fattore d’integrazione e d’inclusione dei milioni di immigrati.


POLITICA TRANSNAZIONALE E TRANSFRONTALIERA
La Macroregione Mediterranea concretizza una cornice evoluta della politica transnazionale e transfrontaliera all’interno della quale dare maggiore coerenza alle iniziative già esistenti, oltre a sviluppare una programmazione con le proprie risorse. In particolare la Strategia Macroregionale nel Mediterraneo è l’evoluzione degli strumenti idonei a definire un quadro globale per la dimensione territoriale delle politiche mediterranee per il periodo 2021-2027, completamente diversa rispetto alle iniziative delle altre Macroregioni Europee. Gli interventi concordati in ambito Macroregionale possono essere sostenuti dai Fondi Strutturali e da investimenti europei per affrontare le sfide comuni relative alle citate aree geografiche. Gli Stati che rientrano in una Macroregione possono appartenere oppure no all’Unione Europea.  L’azione di  Macroregione Mediterranea, dunque, pone nel dialogo interculturale  un pilastro significativo per farsì che la conoscenza delle varie culture e  le  specificità dei paesi mediterranei siano motore di inclusione, integrazione oltre che interazione.


NUOVI INCENTIVI E FLESSIBILITÀ
Elementi, questi, che pur già presenti nella strutture politiche esistenti hanno bisogno di nuovi incentivi e di maggiore flessibilità. La  costituzione di Macroregione Mediterranea a fianco agli incentivi, stimola in modo ancora più deciso quelle riforme interne che sono assolutamente indispensabili per permettere ai paesi mediterranei di beneficiare pienamente dei rapporti bilaterali con l’Unione e dell’apertura economica e commerciale, promuovendo  un  nuovo ed unico concetto “macro-politico” globale, sintesi di  cooperazioni e di  sinergia dei  paesi  del Mediterraneo aderenti, per costruire una vera e propria relazione speciale ed integrata. Una  nuova forma  di  governare e non di governo, che  trova nella  partecipazione diretta uno dei  pilastri fondamentali per affrontare  gli svariati temi dei paesi Europei e  non, attraverso  il superamento dei  limiti  burocratici  esistenti. Un nuovo sistema socio-politico che  basandosi  sulla  integrazione multiculturale dove  etnicità e multiculturalismo, considerate due forme correlate d’ideologia sociale e strumenti rigidi di classificazione, si  contrappongono alla nuova ed elastica  visione macropolitica adottata da Macroregione Mediterranea,  basata su un progetto dove le culture europee e non, pur mantenendo  la propria identità socio-politica-culturale, si aprono reciprocamente e apprendono le une dalle altre in un’interazione dinamica, attraverso un interscambio produttivo, creativo e  costruttivo.

 

Sponsor

Articoli correlati

Green Pass. Confesercenti: i controlli non spettano alle imprese. Si attui il modello francese

Paolo Fruncillo

La libertà sacrificata, tra Rousseau e Marx

Costanza Scozzafava

Fipe e Federalberghi: mancano 150 mila figure professionali

Paolo Fruncillo

Lascia un commento