venerdì, 19 Aprile, 2024
Società

Omofobia: Gay Help Line “28% riceve minacce, 30% cyberbullismo”

“Il 17 maggio 2021 – nel mondo si celebra la 31° Giornata Internazionale contro l’omotransfobia. Il 2021 e’ l’anno in cui, secondo Ilga Europe (associazione internazionale per i diritti LGBT presente all’ONU), l’Italia scende al 35° posto della classifica dei Paesi Europei per politiche a tutela dei diritti umani e dell’uguaglianza delle persone LGBT+ (lesbiche, gay, bisex e trans). Tale dato e’ confermato da quanto rilevato dal servizio di Gay Help Line 800 713 713 (gayhelpline.it), contact center contro omofobia e transfobia, che riceve piu’ di 50 contatti al giorno (tra linea e chat) oltre 20.000 l’anno, da parte di persone colpite da discriminazione, odio e violenza in quanto lesbiche, gay bisex e trans”. Cosi’ in una nota Gay Help Line. I dati di Gay Help Line sono allarmanti, rilevano nell’ultimo anno, periodo covid, forti aumenti come i ricatti e le minacce subiti dalle persone LGBT che sono passati dall’11% al 28%. I casi di mobbing e discriminazioni sul lavoro dal 3 al 15%.

Inoltre, nell’anno in cui la pandemia ha limitato la socializzazione al web, il 30% degli studenti LGBT+ che ha contattato la Gay Help Line ha detto di aver subito episodi di cyberbullismo e hate speech online. Ancora, circa il 60% degli utenti rientrano nella fascia di eta’ 13-27. L’incidenza del pregiudizio e della discriminazione ha un peso particolare sui ragazzi: questo perche’ i problemi iniziano gia’ con il coming out in famiglia. I dati evidenziano che nell’ultimo anno il 50% dei giovani lesbiche, gay o bisex ha avuto problemi in famiglia dopo essersi dichiarato ai genitori. La percentuale sale al 70% se a dichiararsi sono giovani Trans. Per il 36% dei minori LGBT+ ha visto il rifiuto da parte dei familiari o dei propri pari, la repressione agita attraverso l’isolamento, la reclusione in casa anche ai danni della frequenza scolastica, i tentativi di conversione attraverso pressioni fatte dai propri familiari oltre a subire violenza verbale e violenza fisica.

Per il 17% dei ragazzi maggiorenni che hanno contattato Gay Help Line che si sono dichiarati ai genitori hanno subito la perdita del sostegno economico da parte della famiglia: la maggior parte di questi sono stati di conseguenza abbandonati e messi in strada. Alcuni di questi casi sono stati accolti da Refuge LGBT, la nostra struttura che accoglie questi ragazzi e li supporta perche’ riescano a superare il trauma subito e a raggiungere la propria autonomia attraverso la formazione e la ricerca del lavoro. Un dato che risulta costante nel tempo e’ la difficolta delle vittime a denunciare: il fenomeno dell’underreporting (mancata denuncia) incide in maniera preoccupante sul riconoscimento dell’entita’ delle discriminazioni e delle violenze. In questo periodo difficile di pandemia – sottolinea Gay Help Line – sono ancora piu’ urgenti misure legislative a supporto delle persone LGBT+, ancora prive di tutele contro la discriminazione, l’odio e la violenza.

Condividi questo articolo:
Sponsor

Articoli correlati

Polizia di Stato: in calo i casi di cyberbullismo

Valerio Servillo

Omofobia, Pro Vita e Famiglia: “Parte della Camera in autoisolamento. Parlamento ha legittimità democratica?”

Redazione

Omofobia, Mattarella “La violenza spinge verso fanatismi inaccettabili”

Giulia Catone

Lascia un commento

Questo modulo raccoglie il tuo nome, la tua email e il tuo messaggio in modo da permetterci di tenere traccia dei commenti sul nostro sito. Per inviare il tuo commento, accetta il trattamento dei dati personali mettendo una spunta nel apposito checkbox sotto:
Usando questo form, acconsenti al trattamento dei dati ivi inseriti conformemente alla Privacy Policy de La Discussione.