giovedì, 9 Dicembre, 2021
Società

Polizia Penitenziaria: dalla solidarietà a un progetto innovativo

La stampa ne parla e ovunque si commenta con toni più o meno accesi: un agente della polizia penitenziaria nel carcere di Augusta è stato aggredito dai detenuti. È bastato questo per scuotere le idee di tanti (politici compresi) per puntare il dito verso un mondo che molti non conoscono e tuttavia si tessono verbali di commenti. In primis desidero esprimere tutta la solidarietà a chi viene puntualmente aggredito nel pieno svolgimento del proprio dovere.

Non è più ammissibile permettere a detenuti che vanno- si- rieducati , non avere rispetto verso chi indossa una  divisa e con tanta professionalità e zelo coopera per il bene del nostro Paese. Oggi più che mai occorre maggiore attenzione ai bisogni e alle esigenze che il corpo della Polizia Penitenziari necessita. Non si può puntare il dito ogni qualvolta succede un incidente spiacevole. No.

Occorre sensibilizzare e motivare di più chi è chiamato a ristrutturale questo corpo di polizia a dare tutti gli strumenti e non solo perché il lavoro nel settore carcerario venga svolto con serenità, dedizione e professionalità nella massima sicurezza. Questo è un dato al quale bisogna rispondere con fatti e proposte chiare e poi a seguire tutta la solidarietà che si vuole. A tutti va il mio augurio di una Santa Pasqua, una di quelle che ci vede ripartire con maggiore impegno, tutela, rispetto della dignità del lavoro.

Sponsor

Articoli correlati

Con la Polizia penitenziaria nel cuore…

Salvatore Sardisco

Esami maturità: fake news, al via campagna Polizia e skuola.net

Redazione

G20 e sicurezza: un successo

Ranieri Razzante*

Lascia un commento