lunedì, 17 Maggio, 2021
Cultura

Mostre, ad Asti “Monet e gli Impressionisti in Normandia”

Dopo il grande successo della mostra Chagall. Colore e magia conclusasi il 3 febbraio che ha accolto 46.908 visitatori, grazie ad un progetto condiviso con Vittorio Sgarbi, dal 13 settembre arriva a Palazzo Mazzetti di Asti un eccezionale corpus di 75 opere che racconta il movimento impressionista e i suoi stretti legami con la Normandia.

Sul palcoscenico di questa terra, pittori come Monet, Renoir, Delacroix e Courbet – in mostra insieme a molti altri – colgono l’immediatezza e la vitalità del paesaggio imprimendo sulla tela gli umori del cielo, lo scintillio dell’acqua e le valli verdeggianti della Normandia, culla dell’Impressionismo.

Grazie alla Fondazione Asti Musei, la mostra “Monet e gli impressionisti in Normandia. Capolavori dalla Collezione Peindre en Normandie” curata da Alain Tapie’, ripercorre le tappe salienti della corrente artistica: opere come Falesie a Dieppe (1834) di Delacroix, La spiaggia a Trouville (1865) di Courbet, Camille sulla spiaggia (1870) eBarche sulla spiaggia di E’tretat (1883) di Monet, Tramonto, veduta di Guernesey (1893) di Renoir – tra i capolavori presenti in mostra – raccontano gli scambi, i confronti e le collaborazioni tra i più grandi dell’epoca che – immersi in una natura folgorante dai colori intensi e dai panorami scintillanti – hanno conferito alla Normandia l’immagine emblematica della felicità del dipingere. Un progetto espositivo che si concentra sul patrimonio della Collezione Peindre en Normandie, una delle collezioni più rappresentative del periodo impressionista, accanto a opere provenienti dal Muse’e Alphonse-Georges-Poulain di Vernon, dal Muse’e Marmottan Monet di Parigi e dalla Fondazione Bemberg di Tolosa. (Italpress)

Sponsor

Articoli correlati

Mostre, “Canova. Eterna bellezza” dal 9 ottobre a Roma

Redazione

Prorogata al 12/1 “Luca Signorelli e Roma. Oblio e riscoperte”

Redazione

A Palazzo Albergati di Bologna riaperta la mostra “Monet e gli Impressionisti”

Redazione

Lascia un commento