mercoledì, 22 Settembre, 2021
Attualità

Marisa Tiberio (Confcommercio Chieti): “Un Natale difficile, le imprese lottano. Il presepe dall’Abruzzo a Roma, gesto di speranza e rinascita”

Presidente  Marisa Tiberio, dopo essere stata rieletta in Consiglio Nazionale lo scorso mese di luglio in occasione dell’assemblea elettiva che ha visto il Presidente  Carlo Sangalli riconfermato per acclamazione e da Lei stessa presieduta, ha partecipato alla sua prima giunta nazionale di Confcommercio in qualità di Presidente della Fondazione Orlando, il cui ruolo, come sottolineato dal numero della Confederazione, “assume una importanza maggiore in questo difficile momento”; quali le attività della Fondazione?
“La Fondazione Giuseppe Orlando, costituita nel 2000 da Confcommercio, svolge la propria attività nei settori della beneficenza, dell’assistenza sociale, dell’istruzione, della formazione e dei diritti civili.

In tali ambiti la Fondazione ha avuto in questi ultimi anni una forte sensibilità nei confronti di quegli imprenditori in generale e dei commercianti in particolare, che a seguito di calamità naturali (terremoti, alluvioni e frane) si trovano a vivere condizioni di particolare disagio e bisogno”.

Una grande soddisfazione per Lei, un grande orgoglio per la sua struttura provinciale  di Chieti che presiede e per tutto il sistema regionale di Confcommercio Abruzzo. Che messaggio vuol lanciare in questo particolare momento?
“Il mio ringraziamento al presidente nazionale Carlo Sangalli al quale mi lega un rapporto di stima e condivisione, per la fiducia e l’onore che mi ha accordato.

Lo ringrazio, altresì, per tutto il lavoro che sta svolgendo per tutte le categorie che rappresentiamo, con le istituzioni centrali e per la continua e incessante interlocuzione con il Governo, per superare questo drammatico momento”.

Marisa Tiberio, Presidente Confcommercio Chieti e Presidente della Fondazione G.Orlando con S.E. Mons. Lorenzo Leuzzi, Vescovo di Teramo-Atri

Sarà un Natale molto difficile. L’emergenza sanitaria peggiora una situazione gravissima, in particolare per le imprese ancora in lockdown come quelle abruzzesi. E mentre a livello generale si registra una contrazione dei consumi, raddoppia il fatturato del commercio on line da parte dei colossi del web che hanno lanciato la pubblicità dell’anticipo dei regali di Natale e appena dopo qualche giorno, il consueto lancio delle promozioni del blackfriday, i siti online sono andati in crash per eccesso di accessi. Una enorme mole di denaro circolata on line e tanti regali già acquistati, va a discapito dei negozi sotto casa, quale la sua idea a riguardo?
“Per una piccola attività il periodo natalizio rappresenta mediamente il 30% del bilancio annuale ma quest’anno si naviga a vista e non è possibile fare previsioni perché fondamentale sarà alla riapertura, la propensione al consumo delle famiglie. Certo le restrizioni non invogliano, la socialità è fondamentale.

Per evitare che l’emergenza sanitaria diventi economica e sociale sono più che mai urgenti indennizzi adeguati alle perdite e cancellazione degli oneri fiscali per le imprese più penalizzate e l’Abruzzo ha bisogno di attenzioni, considerato che anche la prima decade di dicembre è andata persa. Sarà un inverno buio per le imprese del terziario della Regione Abruzzo, peggiora il clima di fiducia delle imprese, che prevedono una riduzione dei ricavi per l’ultima parte dell’anno a seguito della fortissima riduzione dei consumi di famiglie e imprese, ma bisogna essere ottimisti. Il Presidente Sangalli dice:” la voglia di ripartire c è, e va incoraggiata” una frase da ripetere come un mantra”.

Da ciò che emerge da una indagine commissionata a Format Research da Confcommercio: circa sei imprese ogni 10, ovvero il 59%  dichiarano un peggioramento dell’andamento economico dell’impresa e la previsione per la fine dell’anno non lascia prevedere alcuna inversione di tendenza. Le imprese prevedono una ulteriore contrazione dei ricavi per il quarto trimestre dell’anno dopo la breve ripresa dei mesi estivi. I settori più in crisi sono quelli della distribuzione non alimentare (commercio) degli alberghi e dei pubblici esercizi e dei servizi alla persona. Confcommercio come risponde a questo peggioramento, quali le possibili soluzioni?
“L’indagine evidenzia che la maggior parte delle imprese non è intenzionata ad effettuare licenziamenti nel marzo del prossimo anno, quando verrà meno il blocco in tal senso imposto dal Governo. Ad oggi il 62% delle imprese del terziario dichiara di avere utilizzato la CIG/FIS fino  che a giugno, il 40% circa dal mese di luglio in poi e nonostante le difficoltà le imprese del terziario della regione non ricorreranno ai licenziamenti a marzo, la percentuale delle imprese  che sta considerando un’azione di questo genere è contenuta tra quelle in serissime difficoltà (18%). Con riferimento alla domanda e all’offerta di credito, circa 3 imprese su 10 hanno chiesto un fido o un finanziamento negli ultimi tre mesi: di queste il 68% ha visto accolta la domanda , mentre il 7,1% è ancora in attesa di conoscere l’esito”.

Dall’Abruzzo a San Pietro un presepe per rinascere!
Per il Natale 2020, un Natale insolito e molto difficile dal punto di vista sanitario, economico e sociale, l’Abruzzo vivrà la sua rinascita con una straordinaria opportunità: quella di esporre in mondovisione il presepe monumentale di Castelli in provincia di Teramo, nell’obelisco di piazza San Pietro. Sappiamo che anche con l’ aiuto di Confcommercio e di altre associazioni, Regione etc… sarà possibile dare luogo ad una occasione unica nella storia… ci può raccontare?
“Il viaggio verso il cuore della cristianità in Piazza San Pietro sarà curato da Confcommercio Teramo, Confcommercio Chieti e Confadriatica servizi in collaborazione con EUROPET traporti internazionali.

La tradizionale inaugurazione del Presepe e l’illuminazione dell’albero di Natale in piazza San Pietro, l’11 dicembre 2020, un atto che vuole essere un segno di speranza e di fiducia per il mondo intero. Vuole esprimere la certezza che Gesù viene in mezzo al suo popolo per salvarlo e consolarlo. Un messaggio importate in questo tempo difficile a causa dell’emergenza sanitaria da Covid-19”. Queste parole del Governatorato della Città del Vaticano, avranno una eco anche nelle nostre zone. È questa la volontà del Vescovo di Teramo-Atri, mons. Lorenzo Leuzzi, che in collaborazione con la Regione Abruzzo, la Provincia di Teramo, il comune di Castelli, l’Ufficio Scolastico Regionale insieme al liceo artistico “F. Grue” di Castelli, la Fondazione Tercas, l’Università di Teramo e il Sodalizio degli abruzzesi a Roma ha organizzato una serie di iniziative volte a coinvolgere il più possibile il nostro territorio in un progetto di ampio respiro. Il tutto potrà essere seguito sul sito dedicato alla presentazione dell’evento di piazza San Pietro (www.unpresepeperrinascere.it) è lo strumento chiave, in tempo di pandemia, per comunicare le tante iniziative proposte, insieme ai social della diocesi (Facebook, Instagram e Telegram). Il plauso va a tutti.
Mi sento di dire che bisogna anche attraverso la fede trovare fiducia per andare avanti perché i veri eroi sono coloro che resistono. Sono orgogliosa di tutti coloro che “combattono aprendo bottega” e continueranno a farlo, per loro e per tutti noi vale la pena credere e portare avanti ogni iniziativa”.

Grazie delle belle parole Presidentessa, congratulazioni e che la protezione di Gesù fatto uomo ci guidi tutti.
“Grazie a voi de la Discussione per il risalto e la vicinanza, faremo del nostro meglio”.

Sponsor

Articoli correlati

Abruzzo in corsa

Angelica Bianco

Marsilio ha accolto il Segretario di Stato Usa Mike Pompeo a Pacentro

Angelica Bianco

Domenico Palmieri: Coronavirus, impegno e sacrifici di tutti per arginare contagi e terapie intensive. A Penne e Popoli due percorsi diversi per Covid e altre patologie

Angelica Bianco

Lascia un commento