giovedì, 2 Dicembre, 2021
Economia

Incentivi e risarcimenti. Adiconsum: a novembre il bonus bici. Banche fallite, domanda per gli indennizzi

Due notizie per i consumatori. La prima è che l’attesa dei promessi bonus per l’acquisto di bici e monopattino elettrici, sta per finire. Mentre per quanti hanno investito o avevano risparmi in banche in default si potrà fare domanda di indennizzo. In altri versi due notizie anche se di segno opposto, messe in evidenza da Adiconsum. Su bici e monopattini, in realtà si tratta ancora di un rinvio, ma pare l’ultimo di una serie che ha tenuto molti acquirenti in attesa di solenni e ultimative decisioni del Ministero dell’Ambiente.
Questa volta dovrebbe essere l’ultimo rinvio prima del’atteso bonus, per chi ha acquistato con entusiasmo la bicicletta o il monopattino elettrico per fare attività fisica, ma anche per contribuire a ridurre l’inquinamento. E, in tempi di Covid, per allentare i possibili contagi da pullman strapieni.

Da alcune notizie raccolte dall’Adiconsum ritenute imminenti, il Ministero dell’Ambiente ha deciso di attivare il portale per la richiesta del bonus bici quando i 210 milioni di euro stanziati saranno disponibili. Quindi non più a settembre, ma a novembre.

“Sembra altresì salva la volontà di far ottenere a tutti coloro che hanno acquistato una bici o altro dispositivi per la mobilità sostenibile il rimborso nel caso abbiamo già effettuato gli acquisti o il rimborso nel caso di acquisti futuri”, scrive l’Adiconsum, “Ricordiamo inoltre, che per ottenere il buono o il voucher occorrerà lo scontrino parlante, come quello della farmacia, su cui viene riportato il codice fiscale dell’acquirente, o la fattura”. Insomma un po’ di burocrazia e un po’ di rinvii ma per novembre gli acquirenti dovrebbero avere il bonus tanto atteso. Stando poi alla seconda “buona notizia” per l’Adiconsum
gli investitori delle 4 banche in default: Banca Marche, Banca Etruria, Cassa di Risparmio di Chieti e Cassa di Risparmio di Ferrara; dovrebbero scattate le domande per gli indennizzi dei cittadini investitori.
“A causa del lockdown”, ricorda l’Adiconsum, “avevamo chiesto al Ministero dell’Economia e delle Finanze e al Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi (FITD) di prorogare termini per la presentazione degli indennizzi forfettari sia per gli obbligazionisti e gli azionisti delle 4 banche in risoluzione che per gli azionisti delle banche venete”.

Si potrà, secondo i nuovi calcoli e disposizioni, quindi presentare, fino al 30 novembre 2020, la domanda di integrazione del 15% da parte degli obbligazionisti delle 4 banche risolte che hanno già ricevuto l’indennizzo dell’80%, secondo quarto stabilito dell’articolo 1, comma 506 della
Legge n. 145/2018. Al momento, il Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi (FITD) ha concesso tale proroga solo agli obbligazionisti delle 4 banche, lasciando fuori gli azionisti delle 4 banche fallite e delle banche venete.

“Come Adiconsum”, promette l’associazione, “continueremo a portare avanti le nostre richieste al Ministero dell’Economia e al FITD per tutelare anche gli azionisti”.

Sponsor

Articoli correlati

Commercio. Sangalli: subito indennizzi alle imprese, riforma del fisco e piani di sviluppo per crescere

Angelica Bianco

Il reddito di cittadinanza come incentivo per l’occupazione

Giovanni Di Corrado

Bonus Bici, richieste di rimborso online aperte da domani

Redazione

Lascia un commento