lunedì, 21 Settembre, 2020
Esteri

Austria: entro 2030 obiettivo 100% energia alternativa

Sponsor

Grazie all’abbondanza di acqua che scorre dalle montagne, l’Austria è tra i leader europei con una quota di oltre il 70% di energia rinnovabile sul consumo totale di elettricità. Le centrali idroelettriche contribuiscono più di cinque volte di più dell’energia eolica, solare, geotermica e delle biomasse messe insieme. Non manca molto per raggiungere l’obiettivo del 100% di produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili entro il 2030. Lo scrive oggi il quotidiano Der Standard. Tuttavia, la tendenza è nell’altra direzione.In 25 anni, dal 1994 al 2018, la quota di energie rinnovabili nel consumo di elettricità in Austria si è ridotta dal 77 al 72 per cento, secondo una valutazione attuale dell’associazione di settore IG Windkraft, a disposizione del quotidiano austriaco.

Altri paesi dell’UE come la Danimarca o la Germania hanno aumentato la quota di produzione di elettricità da fonti rinnovabili dal 4 e 5 per cento al 60 e 40 per cento nello stesso periodo.

Il confronto suggerisce che l’Austria sarebbe stata in grado di passare completamente all’elettricità verde con meno sforzo rispetto ad altri paesi. Perché è successo il contrario? “In Austria non è stato dato alcun valore all’efficienza energetica”, afferma il portavoce di IG Windkraft Martin Jaksch-Fliegenschnee.

A differenza di molti altri paesi dell’UE, il consumo di elettricità e quindi le emissioni di gas serra in Austria sono sempre aumentate negli ultimi decenni. L’Austria ha dovuto importare elettricità dal 2000 per soddisfare la domanda. Inoltre, l’espansione dell’energia eolica e solare è diminuita.

Il 2020 è addirittura il primo anno in cui il numero di turbine eoliche è in calo. Nonostante i sistemi più efficienti, l’energia solare rappresenta solo un quarto dell’elettricità prodotta dall’energia eolica. La speranza dell’industria nazionale è la legge sulle fonti energetiche rinnovabili, che il ministro dell’ambiente Leonore Gewessler intende presentare nelle prossime settimane. Si prevede che entri in vigore nel 2021. (Italpress)

Articoli correlati

Mattarella a Vienna: “Forte l’amicizia con l’Austria”

Redazione

Lascia un commento

Questo sito web utilizza i cookies per migliorare l'esperienza di navigazione. Se continui ad utilizzare il sito ne assumiamo che tu sia concorde. Accetta Maggiori Informazioni