sabato, 4 Luglio, 2020
Società

Gioco d’azzardo, l’anatema della Consulta antiusura

Sponsor

Il gioco d’azzardo, si sa, è un nervo scoperto, specie per quelle organizzazioni del Terzo Settore da sempre in campo per combattere la ludopatia. La Consulta nazionale antiusura “Giovanni Paolo II” ha lanciato un appello affinché si eviti di rinnovare automaticamente le concessioni dei giochi on line, scommesse e bingo in scadenza fino al 31 dicembre 2022.

“Non si tratta infatti di generi di prima necessità – dicono i vertici della benemerita organizzazione –  occorrono decisioni ponderate, per i gravi riflessi che possono avere sulle fasce più povere e fragili della società, con il rischio di consolidare un sistema di spesa che nuoce tanto all’economia quanto alla salute dei cittadini”.

Per tali ragioni la Consulta registra “con allarme l’orientamento teso a prorogare, senza bandi e senza aver fissate stringenti condizioni, le concessioni”. In questo periodo di pandemia “da un lato è aumentata in modo rilevante la povertà e dall’altro si sono rinforzate le azioni di solidarietà, come ad esempio a Milano, dove la Caritas ha dovuto aumentare per un 50% del volume la distribuzione di alimenti. Anche a Palermo vi sono state manifestazioni drammatiche, delle persone che hanno fame”.

Nella presente congiuntura, “proprio il gioco d’azzardo può rallentare la ripresa economica. Il Paese necessita invece di nuovi modelli economici dove non entrino in contrasto tra loro il giusto margine economico, la salute pubblica e la dignità della persona”. La Consulta nazionale antiusura rivolge dunque “l’ennesimo appello al Governo per scelte ponderate e per il bene comune dell’Italia”.

In questo senso auspica che “sia istituito un tavolo di tecnici di comprovata professionalità e indipendenza che valutino ex ante le conseguenze sociali, economiche e cliniche dei giochi in concessione, per poi indicare strategie di riconversione in comparti economici che garantiscano lavoro, salute ed equità nella distribuzione delle risorse”. “Attivare una strategia di uscita è indispensabile e possibile in questo momento, sarebbe un grande segnale di amore e di cura per il Paese e i suoi cittadini”, conclude la Consulta nazionale antiusura.

Le persone affette da ludopatia solitamente stabiliscono con il gioco un rapporto esclusivo e altamente coinvolgente che li spinge a trascurare tutto ciò che li circonda: famiglia, affetti e lavoro, con pesanti ricadute non solo dal punto di vista economico. Quella del gioco d’azzardo è una dipendenza trasversale che riguarda uomini, donne e giovani di ogni ceto sociale: dal disoccupato alla persona più abbiente.

Secondo gli esperti, tuttavia, c’è un aspetto che accomuna tutti: l’illusione di sistemarsi per tutta la vita.

Anche il riscatto sociale è una ragione che spinge le persone più bisognose ad avvicinarsi al gioco. Tra i giovani – elemento ancora più grave – il gioco viene considerato un’attività “normale”.

Articoli correlati

100 anni con Karol: verso l’anniversario di un uomo che ha cambiato la storia

Redazione

Covid-19, servono misure per il Terzo Settore

Giampiero Catone

Nel terzo millennio in unione con il misericordioso Redentore e la sua Madre

Mons. Pawel Ptasznik

Lascia un commento

Questo sito web utilizza i cookies per migliorare l'esperienza di navigazione. Se continui ad utilizzare il sito ne assumiamo che tu sia concorde. Accetta Maggiori Informazioni