mercoledì, 23 Giugno, 2021
Società

Ecco i consigli per la Messa sui Social

Le misure contro la formazione degli assembramenti impediscono la celebrazione delle funzioni religiose con la presenza dei fedeli. Molti sacerdoti, su indicazione dei rispettivi vescovi, hanno scoperto le potenzialità dei Social, celebrando la Santa Messa in diretta Facebook.

Due sacerdoti dell’arcidiocesi ligure – don Giovanni Benvenuto, blogger e Youtuber, nonché fondatore del portale Qumran e don Valentino Porcile, parroco della Ss. Annunziata alla Sturla – sul canale youtube “WeCa” hanno cercano di individuare alcune “linee guida” per la celebrazione dell’Eucarestia in diretta streaming, servizio “necessario” in queste settimane in cui non è consentita la celebrazione delle messe alla presenza dei fedeli

Quali accorgimenti adottare? Come coinvolgere le comunità? Quali messaggi veicolare? Che cosa ci può dire il Vangelo in questo tempo di Quaresima di forzato digiuno eucaristico?

I tutorial WeCa sono una proposta dell’Associazione WebCattolici Italiani (WeCa) in sinergia con l’Ufficio nazionale per le Comunicazioni Sociali e il Centro di Ricerca sull’Educazione ai Media all’Informazione e alla Tecnologia (Cremit) dell’Università Cattolica di Milano. Oltre alla diffusione tramite i social network e sul sito www.weca.it i tutorial vengono trasmessi sulle televisioni del circuito Corallo Sat, sono in podcast su Spotify e sui dispositivi Alexa.

L’Associazione WebCattolici Italiani (WeCa) che intende offrirsi quale punto di riferimento per i siti informatici di ispirazione cattolica. La sua mission consiste nella promozione di attività formative, educative e culturali; nella diffusione di iniziative e proposte dell’uso della rete per attività pastorali (Assemblea dei soci, Convegno CEI-CCEE, ECIC, ecc.) e, infine, nella realizzazione, lo sviluppo e l’offerta di soluzioni software e di tecnologie infrastrutturali (connettività, supporti hardware e telematici) per facilitare l’accesso del mondo cattolico alla rete.

L’Associazione WeCa, costituitasi legalmente il 22 maggio del 2003, nasce dalla precisa richiesta di una quarantina di webmasters cattolici che, in un seminario di studio tenutosi a Roma nel marzo del 2002, auspicavano la creazione di uno spazio condiviso e sinergico in cui riconoscersi e da cui essere sostenuti nella progettualità formativa e nelle strategie future. Un appello che ha trovato la disponibilità della Fondazione Comunicazione e cultura, dell’Università Cattolica del Sacro Cuore, dell’Unitelm, della Diocesi di Roma e di Perugia  come soci fondatori.

Sponsor

Articoli correlati

Chiesa-caos. Messe celebrate dai laici e un prete che sposa laicamente due donne

Redazione

Emergenza Coronavirus, Diocesi in prima linea

Carmine Alboretti

Chiesa, dove mi porti?

Nicolò Mannino

Lascia un commento