lunedì, 26 Febbraio, 2024
Esteri

Sacerdoti cattolici denunciano pestaggi da parte del governo del Nicaragua

Un sacerdote cattolico, in una chiesa vicino alla capitale del Nicaragua, Managua, ha pronunciato un sermone domenicale a maggio che includeva una preghiera per i sacerdoti del posto. La polizia si è presentata due giorni dopo, riproducendo un clip audio della preghiera avvertendolo di come questo genere di cose fosse pericoloso. Il prete ha chiesto di non essere identificato per paura di essere arrestato. “Abbiamo cercato di spiegare che si trattava solo di una normale preghiera, niente a che fare con la politica – ha detto il sacerdote – Ma hanno già le prove contro di noi che possono manipolare come vogliono”. La campagna quinquennale del presidente nicaraguense Daniel Ortega contro la chiesa cattolica si è intensificata da febbraio. I sacerdoti che hanno denunciato ai media le minacce sono residenti uno in Nicaragua e quattro fuori dal Paese. Descrivono un forte aumento della sorveglianza della chiesa da parte della polizia e degli informatori cittadini con percosse, arresti ed espulsioni di sacerdoti e suore, nonché sequestri di beni di proprietà della chiesa. Il breve rilascio, questa settimana, del vescovo nicaraguense Rolando Alvarez ha fatto sperare in una svolta. Ma mentre l’anziano vescovo messicano Ramon Castro affermava che i colloqui tra i rappresentanti del governo nicaraguense e la chiesa sono “senza dubbio” in corso, ha dato poche speranze di una svolta. «È molto probabile – ha detto il diplomatico vaticano – che dovremo attraversare momenti più difficili». L’escalation è continuata a marzo, dopo che papa Francesco ha condannato il governo del Nicaragua definendolo una “grossolana dittatura” e Ortega ha risposto tagliando i legami con il Vaticano. La polizia ha rivolto domande al ministero degli Esteri del Nicaragua, che non ha risposto alle richieste di commento. Il vicepresidente Rosario Murillo, portavoce del governo e moglie di Ortega, non ha risposto alle domande scritte. Un diplomatico di Managua ha affermato di aver ascoltato i rapporti sulla sorveglianza della polizia del clero e di averli trovati credibili. Ha detto di essere preoccupato per il fatto che la repressione sembra essere in corso, con resoconti credibili di un aumento delle espulsioni degli ordini religiosi e delle confische di proprietà oltre alla sorveglianza. Funzionari vaticani hanno detto in privato che vedono il conflitto in Nicaragua come uno dei peggiori dai tempi della Guerra Fredda, quando molti paesi comunisti dell’Europa orientale perseguitarono la Chiesa.

Condividi questo articolo:
Sponsor

Articoli correlati

Il Papa apre il sinodo dei vescovi: “La Chiesa è un luogo aperto a tutti”

Marco Santarelli

Pakistan, il partito di Khan vuole formare il governo e chiede la pubblicazione dei risultati completi delle elezioni

Cristina Gambini

L’Italia più instabile senza riforme istituzionali

Costanza Scozzafava

Lascia un commento

Questo modulo raccoglie il tuo nome, la tua email e il tuo messaggio in modo da permetterci di tenere traccia dei commenti sul nostro sito. Per inviare il tuo commento, accetta il trattamento dei dati personali mettendo una spunta nel apposito checkbox sotto:
Usando questo form, acconsenti al trattamento dei dati ivi inseriti conformemente alla Privacy Policy de La Discussione.