mercoledì, 19 Giugno, 2024
Esteri

La Corte Suprema del Maryland, Usa, sospende la condanna per omicidio di Adnan Syed, accusato, più di due decenni fa, dell’omicidio della fidanzata

Adnan Syed non tornerà in prigione. La sua condanna per omicidio è stata temporaneamente sospesa, in attesa che la Corte Suprema del Maryland decida se ascoltare o meno il suo appello. La più alta corte dello stato ha emesso un’ordinanza che impedisce il ripristino della condanna per omicidio di Syed da parte di un tribunale di grado inferiore. Il caso legale di Syed è iniziato più di due decenni fa, attirando l’attenzione internazionale grazie al podcast di successo “Serial”. Ha  riacquistato la sua libertà a settembre  grazie ad un giudice, dopo che i pubblici ministeri di Baltimora si erano mossi per annullare la sua condanna, affermando di aver riesaminato il caso e trovato sospetti alternativi, nonché prove inaffidabili utilizzate durante il processo. Ma la famiglia della vittima aveva affermato di aver ricevuto un preavviso insufficiente per partecipare all’udienza di settembre davanti al giudice di persona, il che ha violato il loro diritto a essere “trattata con dignità e rispetto”. La corte d’appello intermedia dello stato aveva acconsentito. In una decisione 2-1 di marzo, sospesa per 60 giorni, i giudici hanno ripristinato la condanna di Syed e ordinato la ripetizione dell’udienza in questione. Con i 60 giorni prossimi alla fine, l’avvocato di Syed, Erica Suter, ha chiesto alla Corte Suprema del Maryland di sospendere il caso per evitare che il suo cliente venga potenzialmente incarcerato mentre la corte valuta se ascoltare o meno l’appello. Il giudice Shirley Watts ha osservato nella sua ordinanza, approvata dalla maggioranza dei sette giudici della corte, che la famiglia della vittima e l’ufficio del procuratore generale dello stato avevano acconsentito alla sospensione del mandato del tribunale di grado inferiore.  Suter sta chiedendo al tribunale di esaminare diverse questioni legali, tra cui se la decisione dell’ex procuratore dello Stato di Baltimora Marilyn Mosby, di archiviare le accuse contro Syed lo scorso anno, avesse reso discutibile la sfida del tribunale di famiglia. Syed, che ha sempre sostenuto la sua innocenza, aveva 17 anni quando la sua ex fidanzata e compagna di classe del liceo, Hae Min Lee, fu trovata strangolata a morte e sepolta in una tomba improvvisata nel 1999. Fu arrestato settimane dopo e alla fine condannato per omicidio in 2000. Nella dichiarazione in tribunale, l’avvocato ha notato che , oltre ad essere stato assunto nel Program Associate presso la Prisons and Justice Initiative della Georgetown University, Syed si è preso cura dei suoi genitori anziani. Suo padre soffre di demenza e a sua madre è stata diagnosticata la leucemia.

Condividi questo articolo:
Sponsor

Articoli correlati

Morti discoteca: in manette “banda dello spray”, 6 arresti per omicidio

Redazione

Omicidio Villaciencio, arrestati sei colombiani

Federico Tremarco

Un cittadino indiano estradato negli Usa per un presunto complotto

Paolo Fruncillo

Lascia un commento

Questo modulo raccoglie il tuo nome, la tua email e il tuo messaggio in modo da permetterci di tenere traccia dei commenti sul nostro sito. Per inviare il tuo commento, accetta il trattamento dei dati personali mettendo una spunta nel apposito checkbox sotto:
Usando questo form, acconsenti al trattamento dei dati ivi inseriti conformemente alla Privacy Policy de La Discussione.