sabato, 2 Marzo, 2024
Esteri

Ex direttore di “The Jewish Press” accusato della rivolta del 6 gennaio al Campidoglio Usa

L’ex caporedattore di “The Jewish Press”, un giornale ebraico con sede a New York, è stato arrestato con l’accusa di avere avuto stretti collegamenti con l’attacco del 6 gennaio al Campidoglio, tra cui ostruzione alle forze dell’ordine e aggressione agli agenti.

Si presume che Elliot Resnick, 39 anni, sia stato uno dei primi rivoltosi a farsi strada all’interno del Campidoglio attraverso le porte della rotonda est. Secondo i documenti del tribunale, faceva parte di un gruppo che si è precipitato su per le scale nel momento in cui il cordone della polizia ha ceduto e la folla è entrata illegalmente nell’edificio.

Un investigatore dell’FBI ha affermato, nei documenti del tribunale, che prima della rivolta, Resnick aveva ripetutamente messo in discussione, sui social media, i risultati delle elezioni del 2020. In un post su Parler, aveva scritto: “quando infrangi in modo flagrante le leggi elettorali, dovrebbero esserci delle conseguenze”.

Il video del 6 gennaio ha mostrato Resnick afferrare e tenere il braccio di un agente di polizia del Campidoglio che stava usando un irritante chimico per impedire ai rivoltosi di sfondare le porte del Campidoglio. Dopo che le porte furono sfondate, Resnick ha trascinato con sé altri rivoltosi all’interno Campidoglio ed è rimasto nell’edificio per quasi un’ora.

In risposta a un articolo di Politico dell’aprile 2021 sulla presenza di Resnick al Campidoglio il 6 gennaio, il comitato editoriale di The Jewish Press ha dichiarato che il reporter stava “facendo un servizio giornalistico autorizzato dal giornale sulla manifestazione. La stampa ebraica non comprende perché le opinioni personali di Elliot sull’ex presidente Trump dovrebbero renderlo diverso dalle dozzine di altri giornalisti presenti all’interno del Campidoglio durante i disordini, né perché la sua presenza giustifichi un articolo su Politico”.

Condividi questo articolo:
Sponsor

Articoli correlati

Incontro Biden e Xi: gli esperti prevedono pochi risultati concreti

Paolo Fruncillo

Draghi: negoziato con Russia e Usa. Mosca non è più Golia

Cristina Calzecchi Onesti

Spese militari di qualità per rendere efficiente la deterrenza e la protezione dei 31 Paesi membri

Redazione

Lascia un commento

Questo modulo raccoglie il tuo nome, la tua email e il tuo messaggio in modo da permetterci di tenere traccia dei commenti sul nostro sito. Per inviare il tuo commento, accetta il trattamento dei dati personali mettendo una spunta nel apposito checkbox sotto:
Usando questo form, acconsenti al trattamento dei dati ivi inseriti conformemente alla Privacy Policy de La Discussione.