domenica, 3 Marzo, 2024
Società

Sorrisi e grandi firme nel calendario del Parlamento della Legalità Internazionale

Grazie a Paolo Gualandi e figli, il Parlamento della Legalità Internazionale avrà presto il suo prestigioso calendario 2023 che raggiungerà tutte le regioni d’Italia e anche le Ambasciate culturali che sono al Cairo, America, Costa D’Avorio e prossimamente anche Madrid. Firme autorevoli hanno già autografato con una foto e un pensiero di riflessione e augurale un mese dell’anno mirando alla sensibilizzazione di chi espone il calendario e cerca un messaggio che sia un inno alla vita.

E così a rispondere positivamente all’invito di Nicolò Mannino e Salvatore Sardisco (rispettivamente presidente e vice presidente del movimento culturale) sono stati il dott. Vincenzo Mallamaci, cardiologo di fama mondiale e presidente dell’Associazione Internazionale Onlus ” E Ti Porto in Africa ” (nella foto con bambini della Costa D’Avorio che puntualmente assiste gratuitamente ) il già Questore di Palermo Renato Cortese, lo stesso che dopo anni di indagini ha messo le manette al

latitante mafioso Bernardo Provenzano e oggi Direttore dell’Ufficio Centrale Ispettivo del Ministero dell’Interno – e Presidente Onorario del Parlamento della Legalità Internazionale. Ma anche monsignor Antonio Staglianò già Vescovo della Diocesi di Noto e oggi Presidente della Pontificia Accademia di Teologia / Città del Vaticano e componente del Parlamento della Legalità Internazionale come pure monsignor Franco Moscone, Arcivescovo di Manfredonia / Vieste / San Giovanni Rotondo e guida spirituale del movimento fondato da Nicolò Mannino e Salvatore Sardisco.

Protagonisti indiscussi sono i giovani con i loro sorrisi, speranze sogni e voglia di costruire un mondo a dimensione di “cuore”. “Sono onorato e fiero di contribuire alla realizzazione di questo calendario che ha solo lo scopo di proporre un messaggio a favore della vita- ha detto Paolo Gualandi informato da Nicolò Mannino dalla riuscita dell’opera”. Un calendario dove si percorre un iter formativo culturale dove ogni valore umano ha un volto, un impegno e una storia facendo capo alla sede di Presidenza che si trova a Monreale .

È il tema della Pace, della Speranza e della Bellezza a farla da padroni mentre Salvatore Sardisco sottolinea “Abbiamo documentato un anno di impegno culturale e ringraziamo quanti hanno organizzato con noi e per noi eventi che oggi siglano un calendario che sa di profumo di studenti e non solo”: Tante le prenotazioni che arrivano in sede di presidenza per avere in dono il calendario. “Siamo fieri e orgogliosi di questo strumento conoscitivo – dice Nicolò Mannino – e un grazie di cuore va a tutti colore che ci hanno offerto foto e riflessione sapendo ed essendo parte viva del cammino culturale del Parlamento della Legalità Internazionale”. A Paolo Gualandi va l’abbraccio di tutta la famiglia del movimento che abbraccia tutta l’Italia e anche altre nazioni. A stampare tutto ci pensa la tipografia Abbate, accreditata da anni con il Parlamento della Legalità Internazionale con un grafico di tutto rispetto come Vincenzo Passalacqua, lo stesso che ha ideato il logo del movimento che oggi è entrato in diverse realtà come scuole, ospedali, chiese, e anche alla base dell’Aeronautica Militare di Trapani Birgi con la sua “Ambasciata del Tricolore” e presso la Scuola allievi della Polizia di Stato di Peschiera del Garda dove ha sede l’Ambasciata della Resilienza”.

Condividi questo articolo:
Sponsor

Articoli correlati

Annullata la pena di morte: Mannino “ha vinto Luca”

Redazione

Due giorni di confronto a Roma sulla preghiera

Nicolò Mannino

Dalla Sicilia solidarietà a Bergamo e alla Lombardia

Ettore Di Bartolomeo

Lascia un commento

Questo modulo raccoglie il tuo nome, la tua email e il tuo messaggio in modo da permetterci di tenere traccia dei commenti sul nostro sito. Per inviare il tuo commento, accetta il trattamento dei dati personali mettendo una spunta nel apposito checkbox sotto:
Usando questo form, acconsenti al trattamento dei dati ivi inseriti conformemente alla Privacy Policy de La Discussione.