martedì, 16 Agosto, 2022
Regioni

Riapre la Pinacoteca di Faenza dopo la chiusura dovuta alla pandemia

Con un nuovo allestimento, maggiormente funzionale alla visione delle opere e che valorizza quelle più rappresentative, realizzato con anche un contributo della Regione Emilia-Romagna, inaugura domani – sabato 11 dicembre – alle ore 17, dopo la chiusura nei mesi di pandemia, la Pinacoteca comunale di Faenza (Ra). La chiusura è di fatto diventata un’occasione per procedere a un rinnovamento degli allestimenti e del percorso espositivo, in un’ottica di ripresa delle attività che parte dalla valorizzazione del patrimonio culturale. Sono quasi duecento le opere esposte che narrano la storia della Pinacoteca faentina, tra gli Istituti più importanti e antichi della regione, con testimonianze che dall’alto Medio Evo arrivano ai giorni nostri. Situata negli spazi di via S. Maria dell’Angelo, la Pinacoteca viene restituita alla cittadinanza in veste nuova, rientrando nel panorama dell’offerta artistico-culturale della città. Intervengono alla cerimonia di apertura, l’assessore alla Cultura e Paesaggio della Regione Emilia-Romagna Mauro Felicori, il sindaco del Comune di Faenza Massimo Isola, il direttore della direzione Regionale Musei Emilia Romagna Giorgio Cozzolino, il direttore Gallerie degli Uffizi Firenze Eike Schmidt e la dirigente del settore Cultura Turismo Promozione Economica e Servizi Educativi del Comune di Faenza, Benedetta Diamanti. Il taglio del nastro, con successiva visita alle collezioni, è previsto alle ore 17,45. A partire dal 12 dicembre la Pinacoteca sarà aperta al pubblico, dal martedì alla domenica, per un numero totale di 24 ore settimanali. Dalla data della riapertura e fino al 6 gennaio 2022 la visita sarà gratuita per i residenti nel Comune di Faenza.

Sponsor

Articoli correlati

Lamorgese a Potenza firma il protocollo per il Numero Unico Emergenza

Redazione

Palermo ricorda Paolo Giaccone, il medico ucciso dalla mafia 40 anni fa

Redazione

UnitelmaSapienza e Acea firmano intesa su promozione attività formative

Redazione

Lascia un commento