domenica, 26 Maggio, 2024
Economia

Artigiani. Danni da Covid, per gli esoneri contributivi rinvio al 30 settembre

La richiesta inviata al ministro Orlando aveva toni perentori “fermezza e necessaria urgenza”, ora la Confartigianato è stata accontentata. Dal Governo è stata rinviata dal 31 luglio al 30 settembre, la scadenza per presentare le domande di esonero contributivo. Esonero previsto dalla scorsa Legge di Bilancio, per artigiani e lavoratori autonomi iscritti all’Inps e alle Casse private e danneggiati dal Covid.

PRESSING DELLA CONFARTIGIANATO
La proroga arriva grazie al pressing esercitato da Confartigianato nei confronti del Governo.
“La Confederazione”, si ricorda in una nota, “aveva contestato l’iniziale termine fissato al 31 luglio con un decreto attuativo pubblicato il 28 luglio che fissa criteri e modalità per la concessione dell’esonero”. Sarebbe stato infatti, impossibile, in soli due giorni, consentire agli imprenditori di presentare le domande di esonero.Confartigianato è quindi intervenuta inviando una lettera al Ministro del Lavoro, Andrea Orlando, per chiedere “con fermezza e necessaria urgenza” il differimento del termine del 31 luglio prossimo per la presentazione dell’istanza per l’esonero dai contributi previdenziali dovuti dai lavoratori autonomi.
LA LETTERA E LA SVOLTA

“Con sorpresa e preoccupazione apprendiamo”, si leggeva nella lettera, “della pubblicazione il 28 luglio del decreto attuativo che fissa criteri e modalità per la concessione dell’esonero. La misura è destinata, a causa dell’evidente ritardo del decreto, ad ‘ingenerare gravi discriminazioni e pregiudizio per la platea dei lavoratori autonomi’.

E’ quasi impossibile”, si rimarcava nella lettera, “per ragioni organizzative, poter rispettare la data del 31 luglio prossimo, termine entro il quale va presentata, a pena di decadenza, la relativa istanza all’Inps, tenendo conto della carenza, al momento, delle necessarie istruzioni operative dell’Istituto di previdenza”.
Da qui la richiesta, accolta, di differire il termine del 31 luglio, “al fine di rendere possibile ed effettivo il sostegno verso tutto il mondo del lavoro autonomo”.

Condividi questo articolo:
Sponsor

Articoli correlati

Meloni alla sfida del buongoverno

Giuseppe Mazzei

Benzina, rincari segnalati da Codacons ma taciuto dalla politica. Per le famiglie nuova batosta

Paolo Fruncillo

Mattarella e Macron spengono i fuochi. Trattato del Quirinale non De Bello Gallico

Giuseppe Mazzei

Lascia un commento

Questo modulo raccoglie il tuo nome, la tua email e il tuo messaggio in modo da permetterci di tenere traccia dei commenti sul nostro sito. Per inviare il tuo commento, accetta il trattamento dei dati personali mettendo una spunta nel apposito checkbox sotto:
Usando questo form, acconsenti al trattamento dei dati ivi inseriti conformemente alla Privacy Policy de La Discussione.