lunedì, 6 Dicembre, 2021
Attualità

Giornata del migrante. Il Papa: “Siamo tutti nella stessa barca”

“Siamo come tanti granelli di sabbia, tutti diversi e unici ma che insieme possono formare una spiaggia bellissima, una vera opera d’arte”. Ha aperto così Papa Francesco la serie di video-messaggi di sensibilizzazione in previsione della 107ma Giornata mondiale del migrante e del rifugiato 2021.  Il Santo Padre guarda oltre la pandemia, nella speranza che l’emergenza lasci qualche insegnamento: «Passata la crisi sanitaria, la peggiore reazione sarebbe quella di cadere ancora di più in un febbrile consumismo e in nuove forme di auto-protezione egoistica”.

 

DALLA PANDEMIA CI SI SALVA SOLO TUTTI INSIEME 

L’emergenza pandemica ci sta chiaramente indicando la via della “salvezza globale”, se non ci vaccina tutti, anche i paesi più in difficoltà, non saremo mai al sicuro. Forse alla fine non ci saranno più “gli altri”, ma solo un “noi”, si augura il Pontefice. Il concetto della diversità è già nella storia della nostra genesi. Siamo, infatti, stati creati uomo e donna, destinati a formare insieme nuove generazioni. Anche la storia raccontata nelle sacre scritture è un grande narrazione di popoli più che di singoli individui. “La storia della salvezza vede dunque un noi all’inizio e un noi alla fine, perché tutti siano una sola cosa”, ricorda papa Bergoglio.

 

SIAMO TUTTI NELLA STESSA BARCA

Il tempo presente, però, mostra un noi ancora “rotto e frammentato, ferito e sfigurato”, specialmente nei momenti di crisi, come quello attuale. “I nazionalismi chiusi e aggressivi – aveva già scritto in Fratelli tutti – e l’individualismo radicale sgretolano il noi, tanto nel mondo quanto all’interno della Chiesa”. Come sempre, il prezzo più alto lo pagano gli stranieri, i migranti, gli emarginati, che abitano le periferie esistenziali. In realtà, siamo tutti sulla stessa barca e siamo chiamati a impegnarci perché non ci siano più muri che ci separano. È necessario camminare insieme, un richiamo rivolto prima di tutto ai fedeli cattolici e poi a tutti gli uomini e le donne del mondo.

 

UN MONDO SEMPRE PIU’ INCLUSIVO

Occorre ricomporre la famiglia umana, assicurandoci che nessuno rimanga escluso. Il futuro delle nostre società è un futuro “a colori”, arricchito dalla diversitàe dalle relazioni interculturali. Per questo dobbiamo imparare oggi a vivere insieme. Il sogno della integrazione ha radici antiche e papa Francesco le evoca ricordando il racconto del giorno del “battesimo” della Chiesa a Pentecoste: “Siamo Parti, Medi, Elamiti, abitanti della Mesopotamia, della Giudea e della Cappadocia, del Ponto e dell’Asia, della Frigia e della Panfilia, dell’Egitto e delle parti della Libia vicino a Cirene, Romani qui residenti, Ebrei e proseliti, Cretesi e Arabi, e li udiamo parlare nelle nostre lingue delle grandi opere di Dio”. È l’ideale della nuova Gerusalemme, dove tutti i popoli si ritrovano uniti, ma per raggiungerla occorre costruire ponti che favoriscano la cultura dell’incontro, consapevoli dell’intima interconnessione che esiste tra noi.

 

 

Sponsor

Articoli correlati

La quarantena dei migranti dai Balcani

Carmine Alboretti

Immigrazione: Open Arms, sbarcate con urgenza 13 persone

Redazione

Immigrazione: Unhcr-Oim-Unicef “serve sostegno a giovani e minori”

Redazione

Lascia un commento