lunedì, 17 Maggio, 2021
Economia

Al tavolo Mise, Ministero sviluppo economico, si è parlato del settore della moda

Presenti al tavolo i sindacati Filctem Cgil, Femca Cisl, Uiltec Uil, per le associazioni datoriali il presidente di Confindustria Moda, Cirillo Marcolin, e il presidente della Camera della moda Italia, Carlo Capasa, e i rappresentanti delle associazioni artigiane di Confartigianato e Cna. Per il governo erano presenti il ministro Giorgetti e il viceministro Pichetto del Mise e De Camillis del ministero del Lavoro.

“Riteniamo importante l’attenzione mostrata dai ministri competenti. Quello della moda è il primo comparto convocato dal governo, perché è il settore manifatturiero più colpito dalla pandemia, e perché, già a settembre, abbiamo alzato la guardia presentando con Confindustria moda un documento congiunto al Mise, a cui si è poi aggiunto quello sottoscritto recentemente con le associazioni Confartigianato e Cna, in cui si fotografa attentamente la crisi in corso”, hanno dichiarato le segreterie nazionali di Filctem Cgil, Femca Cisl, Uiltec Uil a margine dell’incontro. “Giorgetti – continuano i sindacati -, convenendo con le nostre proposte contenute nei due documenti, ha deciso di attivare al Mise un tavolo della moda permanente in cui si affronterà non solo la gestione dell’emergenza nel settore, ma si progetterà il rilancio attraverso la costituzione di tavoli tecnici. Con il ministero del Lavoro è stata, invece, convenuta una convocazione urgente per la proroga per il settore della Cassa Covid per tutto il 2021.

Abbiamo, poi, chiesto al governo di modificare la norma sul contratto di espansione diminuendo la soglia dimensionale per applicarla ad aziende con meno di 250 dipendenti”. “Il governo, da parte sua, si impegnerà per la riapertura delle fiere, riconoscendo che il settore deve essere tutelato a partire dalla sua filiera composta soprattutto da piccole e medie imprese industriali ed artigiane. Inoltre, ha riconosciuto maggiori tutele al settore per l’altissima presenza di manodopera femminile e la necessità di una formazione continua relativa all’aggiornamento professionale. Da parte nostra abbiamo chiesto un intervento sul dumping salariale, dovuto ai contratti pirata, e in generale sul tema del rispetto della legalità nel settore”, concludono Filctem, Femca, Uiltec. “È un segnale positivo che il Ministero dello Sviluppo Economico abbia deciso di affrontare le crisi per settori economici e non solo attraverso tavoli legati alla situazione della singola crisi aziendale. È esattamente ciò che abbiamo iniziato a fare in Veneto con tutte le strutture, dall’Unità di Crisi alla Direzione Lavoro, da diversi anni ed oggi sempre più in sinergia con il settore dello sviluppo economico”. 

Così l’Assessore regionale al Lavoro Elena Donazzan commenta l’incontro che c’è stato pomeriggio convocato dal MISE con i sindacati generali per parlare del settore della moda. “Mesi fa – ricorda ancora l’Assessore veneto – abbiamo anticipato il tema della criticità del settore della moda che per il Veneto significa una filiera molto corta in termini territoriali, molto lunga in termini di realtà imprenditoriali dell’artigianato, del commercio, dell’industria e dei servizi collegati. Fin da aprile 2020 al tavolo della moda del Veneto Confindustria, Confartigianato, Confesercenti, Confcommercio avevano dato un chiaro segnale di allarme perché i negozi chiusi indicano l’interruzione della filiera”. “Il Veneto, come oramai sappiamo, anticipa una metodologia di lavoro – conclude Donazzan –  e il tavolo della moda, che abbiamo voluto come tavolo di crisi nazionale, mi vede partecipare insieme al collega allo sviluppo economico Roberto Marcato perché serve per affrontare strategicamente e strutturalmente, con tutti gli strumenti necessari, l’aiuto che dobbiamo dare ad una filiera di grande importanza e di grande qualità per il Veneto e per l’Italia tutta”.

Sponsor

Articoli correlati

Moda, pochi i sostegni alle piccole imprese. Settore in crisi, servono aiuti

Francesco Gentile

Raffaella e Antonella, le sorelle della moda. Il Covid19 non frena “Verità & Vanità” la boutique d’arte e femminilità. L’Aquila simbolo di rinascita in Italia

Angelica Bianco

Lo styling di Arisa per Sanremo 2021 è di Rebecca Baglini Alumna IED

Barbara Braghin

Lascia un commento