giovedì, 5 Dicembre, 2019
News Italpress

SECONDO UNO STUDIO L’USO DEI CELLULARI NON AUMENTA IL RISCHIO TUMORI

ROMA (ITALPRESS) – "In base alle evidenze epidemiologiche attuali, l'uso del cellulare non risulta associato all'incidenza di neoplasie nelle aree piu' esposte alle radiofrequenze durante le chiamate vocali. La meta-analisi dei numerosi studi pubblicati nel periodo 1999-2017 non rileva, infatti, incrementi dei rischi di tumori maligni o benigni in relazione all'uso prolungato dei telefoni mobili". Lo sostiene l'Istituto Superiore di Sanita', che ha pubblicato il rapporto "Esposizione a radiofrequenze e tumori: sintesi delle evidenze scientifiche", curato da un gruppo multidisciplinare di esperti di diverse agenzie italiane (ISS, ARPA Piemonte, ENEA e CNR-IREA). Rispetto alla valutazione della IARC (Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro) nel 2011, sottolinea l'ISS, "le stime di rischio considerate in questa meta-analisi sono piu' numerose e piu' precise. I notevoli eccessi di rischio osservati in alcuni studi caso-controllo non sono coerenti con l'andamento temporale dei tassi d'incidenza dei tumori cerebrali che, a quasi 30 anni dall'introduzione dei cellulari, non hanno risentito del rapido e notevole aumento della prevalenza di esposizione". Tuttavia sono in corso ulteriori studi per chiarire "le residue incertezze riguardo ai tumori a piu' lenta crescita e all'uso del cellulare iniziato durante l'infanzia". (ITALPRESS). abr/com 07-Ago-19 13:49

Lascia un commento

Questo sito web utilizza i cookies per migliorare l'esperienza di navigazione. Se continui ad utilizzare il sito ne assumiamo che tu sia concorde. Accetta Maggiori Informazioni