venerdì, 15 Gennaio, 2021
Società

Aiuti solidali. L’UCI: il caso Nespresso-Banco alimentare, per la sostenibilità ambientale ed economica

Sponsor

Awelco

“Sostenibilità ambientale”, è il tema caro all’UCI (Unione Coltivatori Italiani) che prende in esame e promuove – sul sito istituzionale e con iniziative per gli associati – le buone pratiche virtuose che permettono di costruire un futuro fatto di rispetto dell’ambiente e dell’economia. Così l’UCI cita il caso dell’impegno di “Nespresso a favore della sostenibilità ambientale”. “L’azienda”, racconta l’Unione dei coltivatori, “annuncia la collaborazione con il Banco Alimentare del Lazio resa possibile grazie al programma “Da Chicco a Chicco” per dare una seconda vita alle capsule esauste attraverso il reimpiego del caffè residuo”. Il progetto che l’UCI racconta è legato al riutilizzo delle capsule esauste del caffè.

“Attraverso tale programma, viene promosso un sistema unico che vede coinvolti CiAl (Consorzio Nazionale Imballaggi Alluminio), Utilitalia e CIC (Consorzio Italiano Compostatori) per innescare un positivo processo”, spiega l’Unione, “che dà nuova vita alle capsule esauste, garantendo la completa sostenibilità ambientale e sociale del suo intero ciclo di vita anche con la partecipazione attiva dei clienti Nespresso. I consumatori possono infatti riconsegnare le loro capsule esauste nell’apposita area recycling presente all’interno delle Boutique Nespresso o in alcune isole ecologiche distribuite sul territorio nazionale, per un totale di 116 punti di raccolta in 69 città italiane“.

Una volta raccolte, le capsule vengono trattate con un sistema che permette di separare i residui di caffè e l’alluminio, avviando i materiali a due differenti processi di recupero. “L’alluminio”, spiega ancora l’UCI, “riciclabile al 100%, viene destinato alle fonderie per avviare il processo di riciclo che lo trasformerà in nuovi oggetti come penne, biciclette e coltellini. Il caffè esausto, invece, viene trasformato in compost e utilizzato in una risaia in Provincia di Novara. Il riso prodotto grazie a questo concime naturale, riacquistato da Nespresso, viene successivamente donato a Banco Alimentare della Lombardia e, grazie all’estensione del progetto a Banco Alimentare del Lazio, anche alle strutture caritative del territorio laziale supportate dall’organizzazione”. Infine calcola Unione Coltivatori Italiani

“La collaborazione con Banco Alimentare che finora ha permesso di donare 2 milioni 954 mila porzioni di riso”.

Articoli correlati

Giuseppe L’Abbate (sottosegretario alle Politiche Agricole): Pandemia e clima nuove sfide, siamo pronti ad affrontare i problemi con Fondi Ue e assicurazioni

Maurizio Piccinino

Mario Serpillo (Uci), Mediterraneo e Europa alla 1ª Festa Nazionale di AEPI. Made in Italy, una sfida da vincere creando futuro

Redazione

EARTH DAY 2020: enorme successo mediatico della maratona con UCI protagonista

Redazione

Lascia un commento

Questo sito web utilizza i cookies per migliorare l'esperienza di navigazione. Se continui ad utilizzare il sito ne assumiamo che tu sia concorde. Accetta Maggiori Informazioni