venerdì, 19 Luglio, 2024
Esteri

Riapre, dopo il crollo del ponte, il canale marittimo di Baltimora

Il canale marittimo nel porto di Baltimora è stato riaperto dopo il crollo del 26 marzo del Francis Scott Key Bridge, che aveva bloccato il traffico. Le autorità hanno annunciato la riapertura completa lunedì sera. L’operazione è avvenuta a seguito della rimozione dal fiume Patapsco di 50.000 tonnellate di acciaio e cemento. Il canale era ostruito dai rottami del ponte, crollato dopo l’urto di una nave portacontainer che aveva perso potenza, causando la morte di sei operai latini notturni. Il porto di Baltimora, hub per automobili e attrezzature agricole, è rimasto chiuso per settimane durante la rimozione dei detriti. Gli equipaggi hanno gradualmente riaperto il canale, ripristinando parte del traffico commerciale.

I lavori di riapertura

Il 20 maggio, la nave mercantile Dali è stata rimessa a galla e riportata in porto, liberando un canale di 50 piedi di profondità e 400 di larghezza. Ora, il canale largo 700 piedi consente il traffico bidirezionale, con requisiti di sicurezza ridotti. Migliaia di lavoratori hanno risentito del crollo, spingendo le autorità a dare priorità alla riapertura del porto per alleviare l’impatto economico. Un totale di 56 agenzie hanno partecipato alle operazioni di salvataggio, coinvolgendo 500 specialisti e una flotta di 18 chiatte, 22 rimorchiatori, 13 gru galleggianti, 10 escavatori e quattro imbarcazioni da ricognizione. “Sono orgoglioso della nostra squadra”, ha detto il colonnello Estee Pinchasin, comandante del distretto di Baltimora per il Corpo degli ingegneri dell’esercito. Pinchasin ha riconosciuto la perdita delle famiglie delle vittime, affermando che il loro ricordo ha motivato il team. La Dali ha perso energia poco dopo aver lasciato Baltimora per lo Sri Lanka il 26 marzo. Un’indagine del National Transportation Safety Board ha rilevato interruzioni di corrente prima del viaggio, ma le cause esatte restano sconosciute. L’FBI conduce un’indagine penale sulle circostanze del crollo. I funzionari sperano di ricostruire il ponte entro il 2028.

Condividi questo articolo:
Sponsor

Articoli correlati

Mattarella: “Fare giustizia sul crollo del Ponte Morandi”

Stefano Ghionni

Coronavirus, dopo Pasqua riapertura fino a scuola media anche in zona rossa

Redazione

Banche: crollano di 55 miliardi i prestiti a famiglie e imprese

Marco Santarelli

Lascia un commento

Questo modulo raccoglie il tuo nome, la tua email e il tuo messaggio in modo da permetterci di tenere traccia dei commenti sul nostro sito. Per inviare il tuo commento, accetta il trattamento dei dati personali mettendo una spunta nel apposito checkbox sotto:
Usando questo form, acconsenti al trattamento dei dati ivi inseriti conformemente alla Privacy Policy de La Discussione.