sabato, 20 Aprile, 2024
Esteri

Morto il bambino partorito dopo che la madre era rimasta vittima in autobus di una sparatoria nel Massachusetts

Una sparatoria avvenuta per strada è costata la vita a un bambino. Il piccolo era stato partorito dopo che la madre era rimasta vittima di una scarica di proiettili, assieme ad altre persone, durante una rissa in una strada del centro della città di Holyoke, nel Massachusetts occidentale. La donna incinta era stata colpita mentre era seduta su un autobus pubblico. È stata immediatamente portata in ospedale in condizioni critiche. “Il bambino è nato – ha spiegato il procuratore distrettuale di Hampden –, ma aveva bisogno di servizi medici salvavita. Purtroppo è deceduto”. Per la polizia ci sono tre sospettati, coinvolti in un alterco prima della sparatoria: sono stati identificati, portati in ospedale e messi in custodia. Alejandro Ramos, 22 anni, dovrebbe essere citato in giudizio l’omicidio mentre Johnluis Sanchez, 30 anni, è ancora ricoverato in ospedale. Entrambi sono residenti a Holyoke. Il portavoce della polizia di stato, Dave Procopio, aveva detto in precedenza che la sparatoria era nata da “un alterco tra persone”. Il portavoce della Pioneer Valley Transit Authority, Brandy Pelletier, ha confermato che uno degli autobus dell’agenzia era in viaggio quando è stato coinvolto nella sparatoria.

Condividi questo articolo:
Sponsor

Articoli correlati

California: sparatoria al Festival del cibo, 4 morti

Redazione

Sparatorie a Washington DC: sette persone uccise

Leonzia Gaina

Deputato repubblicano del Maine: “La sparatoria a Lewiston? Un castigo divino per la legge sull’accesso all’aborto”

Ettore Di Bartolomeo

Lascia un commento

Questo modulo raccoglie il tuo nome, la tua email e il tuo messaggio in modo da permetterci di tenere traccia dei commenti sul nostro sito. Per inviare il tuo commento, accetta il trattamento dei dati personali mettendo una spunta nel apposito checkbox sotto:
Usando questo form, acconsenti al trattamento dei dati ivi inseriti conformemente alla Privacy Policy de La Discussione.