sabato, 15 Giugno, 2024
Esteri

Il fentanil guida la ‘quarta ondata’ della crisi degli oppioidi negli Stati Uniti

La quarta ondata della crisi degli oppioidi negli Stati Uniti è caratterizzata da morti per overdose causate dalla combinazione di stimolanti e fentanil. Questa combinazione è particolarmente pericolosa perché gli stimolanti possono aumentare la tolleranza agli oppioidi, rendendo più facile per le persone assumere dosi letali di fentanil. Secondo lo studio pubblicato sulla rivista ‘Addiction’, la percentuale di overdose da fentanil è aumentata di oltre cinquanta volte dal 2010 al 2021. Nel 2010, poco più della metà delle morti per overdose da fentanil riguardavano stimolanti. Nel 2021, quasi un terzo di tutti i decessi per overdose da fentanil hanno coinvolto stimolanti. Lo studio ha rilevato che lo stimolante combinato con il fentanil cambiava in base a dove vivevano le persone. Nel 2021, quasi tutte nel Nordest riguardavano cocaina. Nell’Ovest e nella maggior parte del Midwest si trattava di metanfetamine.

I fattori

Ci sono una serie di fattori che hanno contribuito alla quarta ondata della crisi degli oppioidi. Uno di questi è l’aumento della disponibilità di fentanil, che è un oppioide sintetico molto potente: viene spesso tagliato con altre droghe, come la cocaina e la metanfetamina, rendendo difficile per i consumatori sapere quanto stanno assumendo. Un altro fattore che ha contribuito alla quarta ondata è la crescente diffusione della tossicodipendenza da stimolanti. La cocaina e la metanfetamina sono entrambe droghe molto addictive, e possono portare le persone a cercare altri farmaci, come gli oppioidi, per alleviare i sintomi di astinenza.

Condividi questo articolo:
Sponsor

Articoli correlati

Il confronto ibrido tra Stati Uniti e Cina

Andrea Strippoli Lanternini

Incontro Usa-Cina sul pallone spia: nessuna scusa da parte di Pechino

Cristina Gambini

Crosetto: Italia e Usa insieme per sfide internazionali

Emanuela Antonacci

Lascia un commento

Questo modulo raccoglie il tuo nome, la tua email e il tuo messaggio in modo da permetterci di tenere traccia dei commenti sul nostro sito. Per inviare il tuo commento, accetta il trattamento dei dati personali mettendo una spunta nel apposito checkbox sotto:
Usando questo form, acconsenti al trattamento dei dati ivi inseriti conformemente alla Privacy Policy de La Discussione.