martedì, 27 Febbraio, 2024
Esteri

Giuria del Michigan dichiara “testamento valido” il documento del 2014 trovato nel divano di Aretha Franklin

Un documento scritto a mano dalla cantante Aretha Franklin e trovato nel proprio divano dopo la sua morte nel 2018 è stato dichiarato testamento valido del Michigan. Lo ha stabilito una giuria dello Stato. Una svolta critica in una disputa che ha messo i suoi figli l’uno contro l’altro . È una vittoria per Kecalf Franklin e Edward Franklin, i cui avvocati avevano sostenuto che i documenti datati 2014 avrebbero dovuto ignorare un testamento del 2010 scoperto più o meno nello stesso periodo in un armadietto chiuso a chiave nella casa della Regina del Soul nella periferia di Detroit. La giuria ha deliberato meno di un’ora dopo un breve processo iniziato lunedì. Dopo la lettura del verdetto, i nipoti di Aretha Franklin si sono fatti avanti dalla prima fila per abbracciare Kecalf ed Edward. “Sono molto molto felice. Volevo solo che i desideri di mia madre venissero rispettati – ha detto Kecalf Franklin – Vogliamo solo respirare in questo momento. Sono stati cinque lunghi anni per la mia famiglia, i miei figli”. Aretha Franklin non ha lasciato un testamento formale e dattiloscritto quando è morta cinque anni fa all’età di 76 anni. Ma entrambi i documenti, con scarabocchi e passaggi difficili da decifrare, sono emersi improvvisamente nel 2019 quando una nipote ha setacciato la casa alla ricerca di documenti . In conclusione, gli avvocati di due dei figli di Franklin hanno affermato che non c’è nulla di legalmente significativo nel trovare i fogli scritti a mano in un quaderno sul suo divano. È “irrilevante. … Puoi prendere il tuo testamento e lasciarlo sul bancone della cucina. È ancora la tua volontà”, ha detto Charles McKelvie prima che la giuria iniziasse le deliberazioni. Kecalf ed Edward si sono uniti contro il fratello Ted White II, che ha favorito il testamento del 2010. L’avvocato di White, Kurt Olson, ha notato che il testamento del 2010 era sotto chiave. Ha detto che è molto più importante delle carte trovate su un divano. I gestori immobiliari di Franklin hanno pagato le bollette, saldato milioni di debiti fiscali e generato entrate attraverso royalties musicali e altre proprietà intellettuali. La controversia sul testamento, tuttavia, è stata un affare in sospeso.

Condividi questo articolo:
Sponsor

Articoli correlati

Migranti a piedi dalla Cina agli Stati Uniti

Federico Tremarco

La Chiesa cattolica ucraina respinge il documento vaticano sui matrimoni tra persone dello stesso sesso

Cristina Gambini

Muore una fan a causa del caldo, la cantante Taylor Swift rinvia il concerto a Rio

Francesco Gentile

Lascia un commento

Questo modulo raccoglie il tuo nome, la tua email e il tuo messaggio in modo da permetterci di tenere traccia dei commenti sul nostro sito. Per inviare il tuo commento, accetta il trattamento dei dati personali mettendo una spunta nel apposito checkbox sotto:
Usando questo form, acconsenti al trattamento dei dati ivi inseriti conformemente alla Privacy Policy de La Discussione.