giovedì, 29 Febbraio, 2024
Società

La resilienza non ha bisogno di piani

Negli ultimi 2 anni abbiamo avuto molte opportunità di testare la nostra resilienza collettiva di fronte a una pandemia globale, di fronte a eventi meteorologici e sismici, conflitti cinetici e cibernetici, impatti della supply chain, sfide economiche e crescenti livelli di criminalità distruttiva e distruttiva. Continueremo ad essere messi alla prova e chissà cosa accadrà nei prossimi mesi e nei prossimi trimestri.

Nonostante tutto i governi, le organizzazioni e gli individui hanno affrontato notevolmente bene queste sfide non secondo un piano, ma con adattabilità i utilizzando capacità costruite e stabilite nel tempo. Ad esempio, conosco molte organizzazioni che si sono mosse con fiducia nella risposta alla  pandemia col lavoro remoto non perché avessero un piano documentato esplicito per farlo, ma piuttosto perché avevano investito nella capacità di supportare il lavoro remoto continuo al 100% per la loro forza lavoro e aveva regolarmente testato tale capacità.

La resilienza può essere intesa come la capacità di assorbire gli urti e gestire  le avversità. Non è semplicemente la capacità di deviare, evitare o prevenire gli eventi. Gli eventi in questo contesto possono riguardare tutti i settori di rischio aziendale e tecnologico – che siano lenti o in rapido movimento – dal cyber alle pandemie. Uno degli errori comuni che molte organizzazioni commettono è pensare che la resilienza possa essere ottenuta semplicemente scrivendo piani e procedure completi su cosa fare e come rispondere a eventi specifici.

Quando qualcuno pensa ad un nuovo evento o scenario, un nuovo piano viene scritto e accuratamente archiviato in un Grande Libro dei Piani. Alla fine c’è un intero scaffale pieno (o equivalente virtuale) di queste cose. A volte i piani sono anche testati per vedere se funzionano davvero. Ci sono tre grandi problemi in questo, quando si affronta la realtà degli eventi reali:

  • In una situazione di crisi reale, è improbabile che le persone alimentate da adrenalina si prendano il tempo di consultare grandi manuali per dire loro cosa fare.
  • La maggior parte delle crisi o eventi significativi sono casi unici e anche se hai consultato i piani sarebbe un grande sforzo per adattarli alla situazione specifica che si sta affrontando.
  • Non tutti i piani possono essere testati frequentemente e quindi i mezzi sottostanti (persone, processo, tecnologia) di attuazione delle azioni in quei piani potrebbero non essere stati sufficientemente mantenuti e possono essere visti solo come carenti quando più necessario.

La risposta a questi problemi è semplice ma efficace: concentrarsi sulle capacità e non sui piani. Le capacità consolidate sono combinate / utilizzate in un momento di bisogno da una forza lavoro addestrata per affrontare qualsiasi evento venga loro lanciato. Le capacità sono costantemente mantenute e testate indipendentemente dalle esercitazioni di crisi/ eventi. Le esercitazioni si concentrano quindi sulla costruzione della memoria di risposta alle crisi in tutta l’organizzazione. In un prossimo articolo vedremo quali sono le capacità da allenare per una buona resilienza (1-continua)

*Vice Presidente e Chief Information Security Officer di Google Cloud

Condividi questo articolo:
Sponsor

Articoli correlati

L’Emirato che va a tutto gas

Giuseppe Novero

Sostegni e semplificazioni per il rilancio dell’agroalimentare

Giuseppe L'Abbate

Un cane ricorda a una bambina che cos’è l’amore

Rosalba Panzieri

Lascia un commento

Questo modulo raccoglie il tuo nome, la tua email e il tuo messaggio in modo da permetterci di tenere traccia dei commenti sul nostro sito. Per inviare il tuo commento, accetta il trattamento dei dati personali mettendo una spunta nel apposito checkbox sotto:
Usando questo form, acconsenti al trattamento dei dati ivi inseriti conformemente alla Privacy Policy de La Discussione.