lunedì, 17 Giugno, 2024
Lavoro

Artigiani, no alla pubblicazione dei contributi ricevuti. Dati già in possesso della PA

Burocrazia ovunque, anche sui fondi ricevuti per il fermo da Covid. Introiti che vanno resi pubblici, benché i dati siano già in possesso della pubblica amministrazione.

“È ingiustificato e rappresenta un gravoso onere per le imprese l’obbligo di pubblicizzare i contributi pubblici ricevuti”, sottolineano Confartigianato, Cna e Casartigiani in una lettera inviata ai Ministri
dell’Economia, Sviluppo Economico, Lavoro e P.A. per mettere in evidenza i pesanti effetti amministrativi provocati dalla legge annuale sulla concorrenza del 2017.

La norma, infatti, introduce un rigido sistema di regole per assicurare massima evidenza e pubblicità ad ogni forma di provvidenza erogata dalla pubblica amministrazione alle imprese che devono pubblicare con note integrative di bilancio o su siti internet le informazioni su contributi pubblici che però sono già in possesso della P.A.

Le tre associazioni sollecitano il Governo a chiarire che i sostegni ricevuti per l’emergenza epidemiologica siano esclusi dagli obblighi informativi che già insistono sulle pubbliche amministrazioni, vincolate
a render conto di ogni erogazione. “Il Parlamento si è reso conto”, scrivono le Associazioni di categoria, “dell’inutile gravame facendo slittare l’entrata in vigore delle sanzioni ma rimane l’obbligo di pubblicazione per le imprese.

Sarebbe invece necessario eliminare totalmente gli obblighi di pubblicazione di qualsiasi provvidenza erogata alle imprese, tanto più che risultano incompatibili con gli obiettivi di digitalizzazione delle pubbliche amministrazioni e di interoperabilità delle banche dati previsti nel Piano nazionale di Rinascita”.

Condividi questo articolo:
Sponsor

Articoli correlati

Serve una “Struttura di missione” contro il dissesto idrogeologico. Nel 2010 un Piano di mappatura e messa in sicurezza. Accantonato

Giampiero Catone

Superbonus110% fino al 2023. Draghi: “Va meglio del previsto. Consolidare la crescita”

Cristina Calzecchi Onesti

Libro Blu: più di 11 miliardi all’Erario per i giochi

Ettore Di Bartolomeo

Lascia un commento

Questo modulo raccoglie il tuo nome, la tua email e il tuo messaggio in modo da permetterci di tenere traccia dei commenti sul nostro sito. Per inviare il tuo commento, accetta il trattamento dei dati personali mettendo una spunta nel apposito checkbox sotto:
Usando questo form, acconsenti al trattamento dei dati ivi inseriti conformemente alla Privacy Policy de La Discussione.