venerdì, 22 Gennaio, 2021
Esteri

Le tensioni Iran-Stati Uniti sul tavolo delle Nazioni Unite

Sponsor

Awelco

La Gran Bretagna, la Francia e la Germania si sono unite agli Stati Uniti lunedì, all’Assemblea Generale delle Nazioni Unite, nel ritenere responsabile l’Iran per gli attacchi alle principali strutture petrolifere in Arabia Saudita, ma il ministro degli Esteri iraniano ha sottolineato le rivendicazioni di responsabilità dei ribelli yemeniti e ha dichiarato: “Se l’Iran fosse dietro questo attacco, nulla sarebbe sono stati lasciati da questa raffineria”. Un’arroganza che non ha limiti.

I leader di Regno Unito, Francia e Germania hanno rilasciato una dichiarazione in cui ribadiscono il loro sostegno all’accordo nucleare iraniano del 2015, che gli Stati Uniti hanno abbandonato, ma al tempo stesso diffidando l’Iran dal violarlo. I paesi europei succitati si sono impegnati a cercare di allentare le tensioni in Medio Oriente e hanno esortato l’Iran ad “astenersi nel creare una escalation di provocazioni.”.

Il Primo Ministro britannico Boris Johnson ha dichiarato domenica mentre volava a New York che il Regno Unito avrebbe preso in considerazione la possibilità di prendere parte a un impegno militare guidato dagli Stati Uniti per rafforzare le difese dell’Arabia Saudita dopo gli attacchi di droni e missili da crociera contro il più grande processore petrolifero del mondo e un giacimento petrolifero.

Il Ministro degli Esteri iraniano, Mohammad Javad Zarif, ha negato qualsiasi parte negli attacchi. Ha detto lunedì che i ribelli Houthi dello Yemen, che hanno rivendicato la responsabilità, “hanno tutte le ragioni per vendicarsi” per gli attacchi aerei della coalizione guidata dai sauditi nel loro paese.

Ha anche sottolineato che alla vigilia della visita del presidente Hassan Rouhani alle Nazioni Unite a New York City “sarebbe stupido per l’Iran impegnarsi in tale attività”.

Zarif lo ha definito un attacco “di alta precisione, a basso impatto” e senza perdite. Nella raffineria c’erano strutture che già i Sauditi avrebbero dovuto riparare, in buona sostanza, ha dichiarato che dato che l’impatto era stato minimo, sicuramente la responsabilità era da attribuirsi agli Houti, in quanto se l’Iran avesse avuto un ruolo nell’attacco non sarebbe rimasto più niente della raffineria. La Francia ha cercato di trovare una soluzione diplomatica alle tensioni tra Stati Uniti e Iran, che sono salite alle stelle dopo gli attacchi sauditi e ha accuratamente evitato di rimarcare le responsabilità.

In precedenza, mentre si recava a New York, il Presidente francese Emmanuel Macron che aveva inizialmente evitato di attribuire agli Iraniani la responsabilità, improvvisamente ha cambiato la sua posizione riconoscendo l’Iran come unico responsabile. Macron ha dichiarato in una conferenza stampa dell’ONU non molto tempo prima che fosse rilasciata la dichiarazione che avrebbe inserito in agenda un incontro separato con Trump e con Rouhani.

Macron ha definito il 14 settembre “un cambio di gioco, chiaramente”, ma ha ribadito la volontà della Francia di mediare.

Zarif, tuttavia, ha escluso qualsiasi incontro Iran-Stati Uniti. Ha detto che l’Iran non ha ricevuto alcuna richiesta dagli Stati Uniti, ma che, comunque una richiesta non avrebbe fatto differenza”.

Ha detto che Trump “ha chiuso la porta ai negoziati” con le ultime sanzioni statunitensi, che hanno etichettato la banca centrale del paese come un’istituzione “terrorista globale” – una designazione che il ministro iraniano ha affermato che né il Presidente degli Stati Uniti né i suoi successori potrebbero essere in grado di cambiare.

“So che il Presidente Trump non avrebbe voluto inserire la Banca Centrale come un’organizzazione terrorista. Tuttavia deve essere stato male informato “, ha detto Zarif in un incontro con i corrispondenti delle Nazioni Unite.

Zarif ha continuato affermando di voler incontrare mercoledì i ministri di tutti e cinque i paesi rimasti nell’accordo nucleare del 2015 da cui Trump si è ritirato, tra cui Russia e Cina.

Johnson, il primo ministro del Regno Unito, ha affermato che la Gran Bretagna sostiene ancora l’accordo nucleare esistente e vuole che l’Iran rispetti le sue condizioni, ma ha invitato Trump a concludere un nuovo accordo con l’Iran.

“Qualunque siano le tue obiezioni con il vecchio accordo nucleare con l’Iran, è ora ora di andare avanti e fare un nuovo accordo”, ha detto riferendosi al Presidente Trump.

Alla domanda sul suggerimento di Johnson, Trump ha dichiarato di rispettare il leader britannico e ritiene che l’attuale accordo sia ancora presto per essere sostituito.

La dichiarazione congiunta di Regno Unito, Francia e Germania esorta l’Iran ad un’inversione di rotta sulle disposizioni chiave nell’accordo nucleare del 2015.

“È giunto il momento per l’Iran di accettare i negoziati su un quadro a lungo termine per il suo programma nucleare, nonché su questioni relative alla sicurezza regionale, compreso il suo programma missilistico.

Poco prima di partire per dare il via agli incontri alle Nazioni Unite lunedì, Rouhani ha dichiarato alla televisione di stato che il suo paese inviterà le nazioni del Golfo Persico a unirsi in una coalizione guidata dall’Iran “per garantire la sicurezza della regione”.

Rouhani ha affermato che il piano comprende anche la cooperazione economica e un’iniziativa per la pace “a lungo termine”. Ha dichiarato di voler presentare i dettagli durante la sua partecipazione alle Nazioni Unite.

Zarif ha affermato che la nuova Iniziativa per la Pace di Hormuz – con l’acronimo HOPE – si formerà sotto l’ombrello delle Nazioni Unite con due principi di base: non aggressione e non interferenza. In pratica anche se in una dimensione molto più grande, la proposta di Rouhani ai paesi del Golfo Persico si riduce ad assicurare il lavoro in sicurezza in cambio di un “pizzo”, ricorda tanto le proposte che non si possono “rifiutare” delle organizzazioni mafiose che conosciamo in Italia.

Johnson ha detto che avrebbe incontrato Rouhani alla riunione delle Nazioni Unite di questa settimana. Ha dichiarato che avrebbe voluto che la Gran Bretagna fosse “un ponte tra i nostri amici europei e gli americani in tema di crisi nel Golfo”.

Johnson ha sottolineato la necessità di una risposta diplomatica alle tensioni del Golfo, ma ha affermato che la Gran Bretagna prenderà comunque in considerazione qualsiasi richiesta di aiuto militare se ne dovesse ravvisare la necessità.

L’amministrazione Trump ha annunciato venerdì che avrebbe inviato truppe statunitensi ed equipaggiamenti di difesa missilistica in Arabia Saudita e negli Emirati Arabi Uniti come parte di uno schieramento “difensivo”. I funzionari hanno detto che il numero di truppe era probabilmente nell’ordine di centinaia.

“Lo seguiremo molto da vicino”, ha detto Johnson. “E chiaramente se ci viene chiesto, dai sauditi o dagli americani, di avere un ruolo, considereremo in che modo potremmo essere utili”.

Intanto lunedì, il portavoce del governo iraniano Ali Rabiei ha suggerito che il rilascio di una petroliera battente bandiera britannica detenuta da Teheran da luglio sarebbe imminente, anche se non sa quando riuscirà a partire.

La nave britannica tuttavia non accende il suo segnale di localizzazione satellitare per 58 giorni e non vi è stato alcun segno che abbia lasciato la sua posizione vicino alla città portuale iraniana di Bandar Abbas.

La Guardia rivoluzionaria iraniana ha sequestrato la nave dopo che le autorità di Gibilterra hanno sequestrato una petroliera iraniana. Da allora quella nave ha lasciato Gibilterra, portando alla speranza che la Stena Impero sarebbe stata liberata.

Il nostro giornale, per i lettori appassionati di geopolitica che seguono la questione, pubblicherà a breve un’analisi sulle strategie dell’Iran dal 2011 ad oggi, dimostrando un unico filo conduttore.

Articoli correlati

God Save the Queen!

Luca Sabia

No deal. Un accordo UK-EU ancora possibile

On. Massimo Ungaro

C’è ancora l’amico americano?

Giuseppe Mazzei

Lascia un commento

Questo sito web utilizza i cookies per migliorare l'esperienza di navigazione. Se continui ad utilizzare il sito ne assumiamo che tu sia concorde. Accetta Maggiori Informazioni