giovedì, 21 Ottobre, 2021
Attualità

È il giorno del ricordo

Si conclude oggi, con gli incontri con le forze sociali, la fase di ascolto che Draghi ha voluto porre a base delle proposte programmatiche che illustrerà alle Camere.

Il compito che affronta non è dei più facili: pur forte dell’ampio mandato conferitogli dal Capo dello Stato dovrà misurarsi con il riaffiorare di riserve, manovre, egoismi di partiti per tanta parte ormai privi di un vero retroterra culturale e della consapevolezza di una missione: quella del servizio al bene comune.

A sottolineare l’esigenza di una politica che sappia rinnovarsi, recuperando lo spirito costruttivo e innovatore del dopoguerra, sta anche la giornata odierna dedicata al ricordo sia delle vittime di una strategia feroce di annientamento, della comunità italiana dell’Istria, le foibe, sia del nazionalismo cieco e prevaricatore divampato con il primo conflitti mondiale.

Ricordare per non dimenticare, ricordare per non rimuovere e ignorare: un imperativo che la retorica di due totalitarismi, quello comunista e quello fascista ha celato o distorto per decenni.

Non fummo generosi con i nostri connazionali costretti a lasciare case, terre, ricordi e per lungo tempo la propaganda di una sinistra dominata dal pregiudizio ideologico ha tentato, riuscendovi, di far passare nell’opinione pubblica la falsa equivalenza fra perseguitati e fascisti.

Ancora oggi, purtroppo, restano scorie di quella grande menzogna e la tentazione della sinistra post comunista a non fare i conti con le ombre e gli orrori del passato.

Speriamo che nella fase nuova che si sta per aprire si superi finalmente il tempo dei pregiudizi per imboccare la strada per una democrazia matura.

Sponsor

Articoli correlati

Pancalli (Comitato Paralimpico): “Necessario un Ministero dedicato alle attività sportive”

Redazione

Vertice Regioni-Governo. Riaperture graduali?

Angelica Bianco

Nella conferenza stampa sul Sostegni-bis la politica sociale di Draghi

Piccinino

Lascia un commento