giovedì, 29 Febbraio, 2024
Esteri

Arrestato dall’Fbi ‘Gas Hat’, il rivoltoso del 6 gennaio che per primo ha sfondato l’ingresso del Campidoglio

L’uomo che secondo le autorità federali avrebbe dato inizio, il 6 gennaio, a una brutale battaglia con la polizia nel tunnel inferiore ovest del Campidoglio degli Stati Uniti, è stato arrestato venerdì, quasi due anni dopo essere stato identificato online dagli investigatori. Gregory Mijares è stato individuato due anni fa dalla comunità online “Sedition Hunters”: una dichiarazione giurata dell’FBI ha affermato che l’ufficio di presidenza ha ricevuto una soffiata nel mese di ottobre 2021. Mijares è stato arrestato venerdì a Crown Point, nell’Indiana, ed è stato accusato del reato di disordini civili e di due reati minori. Le riprese video mostrano che Mijares è stato il primo rivoltoso a entrare in Campidoglio attraverso le porte della terrazza inferiore ovest il 6 gennaio 2021. La terrazza inferiore ovest è stata il luogo di alcune delle peggiori violenze in Campidoglio quel giorno. Diversi agenti di polizia hanno riportato ferite gravi e la ribelle Rosanne Boyland è morta nel caos.

Cappello a gas

Mijares si è guadagnato il soprannome di “Cappello a gas” perché le riprese lo mostravano mentre indossava la sua maschera antigas come un cappello durante la battaglia all’interno del tunnel. Una dichiarazione giurata dell’FBI afferma che Mijares ha detto all’ufficio di aver noleggiato un’auto in Indiana, di essere andato a Washington con un amico e di aver soggiornato in un Airbnb in Virginia. Mijares avrebbe “ammesso di essere entrato nell’area del Campidoglio, indossando una maschera antigas, di aver visto le forze dell’ordine lanciare gas lacrimogeni sulla folla e di aver avuto scontri con agenti di polizia sia all’esterno che all’interno del tunnel”.

Condividi questo articolo:
Sponsor

Articoli correlati

Sospettato di omicidio fugge dall’ospedale dove era ricoverato: arrestato dopo sei settimane di fuga

Valerio Servillo

La finocchiona Igp potrà sbarcare negli Stati Uniti

Paolo Fruncillo

Ue trasforma la Turchia in polo di produzione di veicoli elettrici

Marco Santarelli

Lascia un commento

Questo modulo raccoglie il tuo nome, la tua email e il tuo messaggio in modo da permetterci di tenere traccia dei commenti sul nostro sito. Per inviare il tuo commento, accetta il trattamento dei dati personali mettendo una spunta nel apposito checkbox sotto:
Usando questo form, acconsenti al trattamento dei dati ivi inseriti conformemente alla Privacy Policy de La Discussione.