venerdì, 30 Luglio, 2021
Società

I giorni volano, le ore fanno a gara per togliere tristezza e angoscia dal cuore di chi attende che il sole ritorni a brillare sui volti umani. La gente corre, commenta ha paura e attende. La tristezza del “non sapere” uccide dentro senza creare vittime ma azzera tutto ciò che è bellezza. Fermarsi a riflettere conviene quantomeno per ritrovarsi fra le mani quella manciata di bellezza e di solarità che sono necessari per ripartire verso il sentiero del vivere. Siamo chiamati a ridare una pulita alla quotidianità: vivere solo per accumulare e trascinare le ore degli attimi fuggenti, non serve a nulla e a niente. Occorre essere testimoni credibili di una vita che va abbracciata e vissuta dal sorgere del sole sino al tramonto. Vivere rannicchiati nel proprio nido, vittime dei propri fallimenti e pensieri maldestri non aiuta a nessuno. Riprendere il volo, planare sulle proprie sconfitte, iniziare a chiedere luce alla luce e bellezza al proprio cuore, è la ricetta giusta per ritornare ad essere umanamente uomini e donne che danno speranza e gioia. Ne abbiamo tutti bisogno: il materiale non dice nulla; appaga ma avvilisce. Occorre ritrovarsi sul sentiero della bellezza, quella che sta nel cuore di ognuno di noi e che merita di essere esposta alla luce per aiutare tanti a credere in un mondo migliore dove l’Amore vero non è peccato e che se peccato ci sia è quello di non amare e non sapersi fatti d’amore. Noi, amanti del bello, della luce, della gioia e dell’armonia. Noi, Cantori di solarità e di entusiasmo, pronti a far udire oltre i monti dell’arrivismo le note del cuore che vanno sempre a toccare le corde dell’anima. E tu puoi farlo perché sei “Amante del bello e cantore di solarità”.

I giorni volano, le ore fanno a gara per toglie tristezza e angoscia dal cuore di chi attende che il sole ritorni a brillare sui volti umani. La gente corre, commenta ha paura e attende. la tristezza del “non sapere” uccide dentro senza creare vittime ma azzera tutto ciò che è bellezza. Fermarsi a riflettere conviene quantomeno per ritrovarsi fra le mani quella manciata di bellezza e di solarità che sono necessari per ripartire verso il sentiero del vivere.

Siamo chiamati a ridare una pulita alla quotidianità: vivere solo per accumulare e trascinare le ore degli attimi fuggenti, non serve a nulla e a niente. Occorre essere testimoni credibile di una vita che va abbracciata e vissuta dal sorgere del sole sino al tramonto. Vivere rannicchiati nel proprio nido, vittime dei propri fallimenti e pensieri maldestri non aiuta a nessuno. Riprendere il volo, planare sulle proprie sconfitte, iniziare a chiedere luce alla luce e bellezza al proprio cuore, è la ricetta giusta per ritornare ad essere umanamente uomini e donne che danno speranza e gioia. Ne abbiamo tutti bisogno: il materiale non dice nulla; appaga ma avvilisce.

Occorre ritrovarsi sul sentiero della bellezza, quella che sta nel cuore di ognuno di noi e che merita di essere esposta alla luce per aiutare tanti a credere in un mondo migliore dove l’Amore vero non è peccato e che se peccato ci sia è quello di non amare e non sapersi fatti d’amore. Noi, amanti del bello, della luce, della gioia e dell’armonia. Noi, Cantori di solarità e di entusiasmo, pronti a far udire oltre i monti dell’arrivismo le note del cuore che vanno sempre a toccare le corde dell’anima. E tu puoi farlo perché sei “Amante del bello e cantore di solarità”.

Sponsor

Articoli correlati

Credi in ciò che sogni, sogna ciò che ami

Nicolò Mannino

Lascia un commento