Cerca nel sito

Seguici su Facebook!

Sei qui: HomeVaticanoIn 5 mila a Milano per funerali Tettamanzi

In 5 mila a Milano per funerali Tettamanzi In evidenza

Pubblicato in Vaticano
09 Agosto 2017 di Redazione Commenta per primo!
Vota questo articolo
(0 Voti)
Cinquemila fedeli hanno assistito nel Duomo di Milano ai funerali del cardinale Dionigi Tettamanzi, ex arcivescovo di Milano, scomparso sabato a 83 anni. Alla celebrazione delle esequie 30 vescovi, 8 cardinali e più di 1000 sacerdoti, oltre ad alti prelati di altre confessioni e alle istituzioni, tra cui il sindaco di Milano Giuseppe Sala, il presidente del Consiglio regionale lombardo Raffaele Cattaneo, l'ex premier Mario Monti, il ministro dell'Agricoltura Maurizio Martina, il prefetto di Milano Luciana Lamorgese e il questore di Milano Marcello Cardona.«Moltissimi tra noi, penso anche a me, alla nostra lunga collaborazione e amicizia, hanno nel cuore fatti e momenti in cui han potuto godere dell'intensa umanità del cardinale Dionigi. A essi ritorneremo quasi a preziose reliquie». E' il ricordo dell'arcivescovo di Milano Angelo Scola del suo predecessore cardinale Dionigi Tettamanzi, espresso nell'omelia durante le esequie in Duomo.«Nell'apprendere la notizia del decesso del caro cardinale Dionigi Tettamanzi, desidero esprimere le mie condoglianze ai familiari e a codesta comunità diocesana, che lo annovera tra i suoi figli più illustri e tra i suoi pastori più amabili e amati». Inizia così il messaggio, inviato da papa Bergoglio, all'arcivescovo di Milano Angelo Scola e all'arcivescovo eletto Mario Delpini, in ricordo di Tettamanzi e letto dallo stesso Scola, in apertura della celebrazione delle esequie dell'arcivescovo emerito, nel Duomo Milanese.«Penso, con affetto, e ricordo, con gratitudine, l'intesa opera culturale e pastorale profusa da questo benemerito fratello che, nella sua feconda esistenza, ha testimoniato, con gioia, il Vangelo e servito docilmente la chiesa» continua il pontefice, ripercorrendo il cammino ecclesiastico di Tettamanzi.«Tettamanzi lascia un grande insegnamento: l'attenzione agli ultimi e alle famiglie. Dobbiamo trovare una forma per recuperare il suo insegnamento»ha detto il sindaco di Milano Giuseppe Sala, a conclusione delle esequie.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

La Discussione - registrazione Tribunale di Roma n. 3628 del 15/12/1953 - C.F. / n. 13130691002
Impresa beneficiaria per questa testata dei contributi di cui alla legge n. 250/90 e successive modifiche ed integrazioni