Cerca nel sito

Seguici su Facebook!

Sei qui: HomeVaticanoAl cuore che pulsa si contrappone il cuore di tenebra

Al cuore che pulsa si contrappone il cuore di tenebra In evidenza

Pubblicato in Vaticano
16 Aprile 2017 di Redazione Commenta per primo!
Vota questo articolo
(0 Voti)
Nel pomeriggio del Venerdì Santo, nella Basilica Vaticana, il predicatore della Casa Pontificia, Padre Raniero Cantalamessa, ha offerto una riflessione. Il racconto della Passione è quello secondo Giovanni. “E’ il racconto di una morte violenta – commenta il predicatore nell’omelia - Notizie di morti, e di morti violente, non mancano quasi mai dai notiziari serali”. Il frate cappuccino ricorda quella dei 38 cristiani copti uccisi in Egitto la domenica delle Palme e quella dei bimbi siriani uccisi dalle armi chimiche. “Queste notizie – prosegue - si susseguono con tale rapidità da farci dimenticare ogni sera quelle del giorno prima. Perché allora, dopo 2000 anni, il mondo ricorda ancora, come fosse avvenuta ieri, la morte di Cristo? È che questa morte ha cambiato per sempre il volto della morte; essa ha dato un senso nuovo alla morte di ogni essere umano”. Padre Cantalamessa analizza questa domanda. “Esiste ormai – osserva - dentro la Trinità e dentro il mondo, un cuore umano che pulsa, non solo metaforicamente, ma realmente. Se Cristo, infatti, è risorto da morte, anche il suo cuore è risorto da morte; esso vive, come tutto il resto del suo corpo, in una dimensione diversa da prima, reale, anche se mistica”. Al cuore che pulsa si contrappone il “cuore di tenebra”, “il colmo della malvagità che può ammassarsi in seno all’umanità”.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

La Discussione - registrazione Tribunale di Roma n. 3628 del 15/12/1953 - C.F. / n. 13130691002
Impresa beneficiaria per questa testata dei contributi di cui alla legge n. 250/90 e successive modifiche ed integrazioni