Cerca nel sito

Seguici su Facebook!

Sei qui: HomeSocietàVisualizza articoli per tag: rostan
ROMA - In un anno di vita l'applicazione WhereApp (disponibile su App Store e Google Play) ha inviato oltre 1.500.000 messaggi di pubblica utilità ai propri utenti, con 516 mittenti certificati attivi sul territorio nazionale e 3.015 aree geografiche configurate in Italia come Target. Numeri molto elevati quelli realizzati dal sistema ideato da Paolo Lanari e realizzato dalla struttura informatica italiana “VJ Technology”, che ha presentato alla Camera dei deputati i dati sui primi 12 mesi di attività. Fino ad oggi sono state 50.000 le comunicazioni di eventi atmosferici, 100.000 le segnalazioni su viabilità e traffico, 60.000 comunicazioni di eventi sismici, 500.000 eventi culturali e sportivi, 450.000 avvisi di pubblica utilità, 150.000 comunicazioni di eventi atmosferici, 150.000 messaggi di informazione, ma anche 100.000 segnalazioni di opportunità di lavoro e concorsi. “Il bilancio è assolutamente positivo e speriamo di continuare su questo trend”, ha detto Mauro Santini, direttore marketing di WhereApp. Ripercorrendo le prime tappe del percorso di WhereApp, “Abbiamo lanciato l’app un anno fa e l’abbiamo immediatamente concessa, in forma gratuita, alla Croce rossa e alla Protezione civile cercando di mettere a disposizione una piattaforma unica e rivoluzionaria, che ha l’obiettivo di innanzitutto di far parlare mittenti certificati, quindi dare informazioni veritiere e certe alla popolazione, in una modalità georeferenziata, che è un’altra caratteristica che ci rende unici”. Non solo, perché “il rispetto della privacy degli utilizzatori è l’altro motivo del successo dell’app fino ad oggi”, ha sottolineato Santini. "Gli utenti non sono infatti costretti a lasciare i propri dati e numeri di telefono per farsi raggiungere da informazioni certe inviate da mittenti certificati, che possono essere Comuni, Pubbliche Amministrazioni o associazioni”. L’utilità pubblica di WhereApp non è passata inosservata alle istituzioni. La deputata Michela Rostan (Articolo 1 Mdp), infatti, ha presentato “un’interrogazione al ministro Minniti, perché tra i tanti fenomeni che potrebbero essere interessati da questo sistema, ci sono quelli del bullismo, cyberbullismo e della violenza sulle donne”. Per la parlamentare “l’utilizzo di sistemi certificati come WhereApp appare come una grande opportunità per l’Italia, perché consente ai cittadini di avere informazioni utili in tempo reale". "Se il ministero dell’Interno realizzasse un focus sulla possibilità di estendere a tutte le Prefetture l’utilizzo di questo servizio tecnologico, credo che la risposta sarebbe di buona politica e soprattutto di supporto a fenomeni particolarmente gravi ed allarmanti nel nostro Paese”. I primi "testimonial" sono stati scelti tra chi, ogni giorno, è impegnato in prima linea, come i sindaci, che hanno potuto provare direttamente le funzionalità della nuova applicazione. “Abbiamo scelto WhereApp perché volevamo raggiungere i cittadini con un sistema nuovo in grado di parlare al nostro territorio, un sistema in grado di garantire l'immediata diffusione delle informazioni inviate e l'autenticità delle nostre notizie”, ha dichiarato Stefano Bondesan, presidente dell’Unione dei Comuni Coser e primo cittadino del Comune di Pezzana, in provincia di Vercelli. Soddisfazione condivisa anche dal sindaco di Stroppiana, Giuseppino Carenzo: “WhereApp ci consente di informare in pochissimi secondi anche quelli che non vogliono fornire a nessuno il loro numero di telefono o gli altri dati personali. Con questo nuovo strumento - ha aggiunto - abbiamo la possibilità non solo di parlare a chi vive stabilmente nel nostro comune, ma anche a chi attraversa le nostre strade solo perché è in viaggio dalle nostre parti”. Positiva anche l’esperienza del sindaco di Caresana, Claudio Tambornino: “Abbiamo avuto riscontri positivi anche con i cittadini, che hanno accettato e utilizzano l’applicazione. Perché l’arrivo del messaggio è immediato e ci fornisce la possibilità di interagire in tempi brevi con la comunità. A differenza di tutte le altre piattaforme che abbiamo potuto utilizzare, questa garantisce la privacy degli utenti e la possibilità di destinare i messaggi, attraverso liste di distribuzione, a utenti particolari”. Feedback assolutamente positivi anche dal rappresentante della Croce Rossa: “Sono molto soddisfatto, perché WhereApp ha dato ampia informazione di tutte le attività di Croce Rossa nell’ambito del territorio”, ha affermatoBruno Scarpellini, commissario del Comitato locale Municipio 5 di Roma della Croce Rossa. "Evidenziando anche per tutte le attività che realizziamo, non solo nel settore sanitario, ma anche per il sociale e a favore dei giovani”. WhereApp ha anche avviato la fase sperimentale dello 'Sportello Attivo' per segnalazioni di atti di bullismo, cyber bullismo e violenza contro le donne. All'incontro ha preso parte anche la professoressa Maria Alessandrì, referente del progetto bullismo e cyberbullismo promosso dal Liceo ginnasio statale “Anco Marzio” di Ostia, che è in procinto di lanciare la prima applicazione per l'informazione, l'educazione, la prevenzione e il contrasto dei due fenomeni. Si tratta di un progetto pilota finanziato dalla Regione Lazio, che fornisce ai nativi digitali uno sportello virtuale dove ricevere un primo supporto in modo semplice e intuitivo e fissare un incontro "face to face" durante l'orario scolastico con un team di docenti esperti, composto da un giurista, uno psicologo e un informatico. E tutto questo avviene attivando una funzione dedicata di WhereApp. “La scuola è un elemento principale del contrasto al bullismo”, ha dichiarato Alessandrì, “e l’utilizzo di un’app si inserisce proprio nel momento in cui uno studente potenziale vittima di bullismo o cyberbullismo ha in mano lo smartphone e può chiedere aiuto in tempo reale”.
Pubblicato in Società
ROMA - Oltre 1.500.000 messaggi di pubblica utilità inviati, 150.000 comunicazioni di eventi atmosferici, 100.000 segnalazioni su viabilità e traffico, 60.000 comunicazioni di eventi sismici, 500.000 eventi culturali e sportivi. Sono numeri da record quelli di WhereApp, l'unica applicazione che consente di inviare informazioni ai cittadini selezionando un'area geografica circoscritta, garantendo nel contempo anonimato e privacy. Grazie a questo innovativo servizio è possibile ricevere le informazioni utili da fonte certificata solo nella zona selezionata dall'utente: si pensi a tutti coloro si recano in uno stadio in occasione di una partita di calcio (per ricevere informazioni sulle limitazioni al traffico veicolare, ad esempio) o alla necessità di inviare una comunicazione urgente in caso di terremoto, allerta meteo, modifiche improvvise alla viabilità, distacchi dell'energia elettrica o idrica. Giovedì 12 ottobre alle ore 10,00 presso la sala stampa della Camera dei deputati, i responsabili di Whereapp stileranno un bilancio ad un anno esatto dall'attivazione del servizio che, ad oggi, conta 516 mittenti certificati attivi sul territorio nazionale (pubbliche amministrazioni, comitati, enti). Nel corso dell'incontro la deputata Michela Rostan illustrerà il testo di un'interrogazione parlamentare con le richieste formulate al governo Gentiloni. Interverranno all'incontro, tra gli altri, il direttore marketing di WhereApp, Mauro Santini e i testimonial "utilizzatori di WhereApp" Stefano Bondesan, presidente Unione Comuni Coser, Giuseppino Carenzo, sindaco di Stroppiana e Claudio Tambornino, sindaco di Caresana. L'applicazione WhereApp è stata ideata da Paolo Lanari e realizzata dalla struttura informatica italiana "VJ Technology".
Pubblicato in Società
ROMA - Domani, mercoledì 27 settembre alle ore 11, presso l’hotel Nazionale in piazza Montecitorio (sala Capranichetta) si terrà l’incontro organizzato dall’associazione gestori e costruttori degli apparecchi da intrattenimento (Agcai) con il sottosegretario all’Economia, Pier Paolo Baretta, alla luce degli accordi presi in conferenza Stato Regioni sull’apertura di circa 5mila nuove sale da gioco. Al forum è prevista la partecipazione dei parlamentari Michela Rostan (Mdp-Articolo Uno), Paola Binetti (Idea), Nicola Ciracì e Massimo Corsaro (Direzione Italia). “Un provvedimento che rischia di peggiorare ulteriormente il fenomeno della dipendenza dal gioco d’azzardo che in Italia conta oltre 1 milione e 300mila vittime – ha dichiarato il presidente di Agcai Benedetto Palese”. “Certificare e concentrare tutto il gioco nelle sale è pericolosissimo – prosegue il leader dell'organizzazione – perché da un lato anche i Bar ed i Tabacchi ben arredati, con le sembianze tipiche del Casinò lo saranno, offrendo tutti quei servizi che permettono al giocatore di sentirsi in un contesto dove non deve pensare a nient’altro che a giocare. Dove ogni sua esigenza o possibile problematica viene gestita e risolta dal personale formato e qualificato che assiste, spiega e si mette a disposizione per qualsiasi tipo di necessità, dal chiarimento sulle meccaniche di gioco alla richiesta di cambio denaro. Dove sarà evitato l’assembramento di persone attorno alle macchine di gioco garantendo una maggiore privacy del giocatore affinché non si possa allontanare o distrarre in nessun modo, finché non finisce tutti i soldi disponibili. Se questo è il punto certificato noi ci rifiutiamo di condividerlo”. “Oggi – conclude Palese - i concessionari hanno qualche migliaio di videolottery nei magazzini che di certo verranno usate nelle 5.000 nuove sale scommesse che verranno aperte in Italia subito dopo il bando che verrà emanato entro il 31/10/2017. Noi pensiamo invece che le macchine da intrattenimento (Awp), in quantità ridotta, devono rimanere nei Bar, diventando tecnicamente più di abilità diminuendone la loro perdita oraria. La loro allocazione non dovrebbe anche essere nascosta perché il giocatore non deve mai perdere il contatto con la realtà e deve beneficiare del controllo che gli stessi esercenti possono operare”. “Ho presentato un’interrogazione parlamentare al Presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni, e al Ministro all’Economia, Pier Carlo Padoan - ha annunciato l'onorevole Michela Rostan -, per sapere quali saranno i provvedimenti del Governo per fermare la nuova invasione di videolottery, prevista dall’accordo siglato nel corso della Conferenza Stato Regioni e Comuni, che darà un durissimo colpo alla lotta alla ludopatia. Bisognerebbe chiarire anche se l'eventuale riduzione degli apparecchi da gioco riguardi solo quelli da intrattenimento, più innocui per i giocatori, favorendo il business del gioco d’azzardo gestito dalle multinazionali a danno delle piccole e medie aziende italiane”.
Pubblicato in Società
La Discussione - registrazione Tribunale di Roma n. 3628 del 15/12/1953 - C.F. / n. 13130691002
Impresa beneficiaria per questa testata dei contributi di cui alla legge n. 250/90 e successive modifiche ed integrazioni