Cerca nel sito

 

Seguici su Facebook!

Sei qui: HomeSocietàCasellati ricorda Tortora "Diede voce alla gente"

Casellati ricorda Tortora "Diede voce alla gente" In evidenza

Pubblicato in Società
18 Maggio 2018 di Redazione Commenta per primo!
Vota questo articolo
(0 Voti)
"Iniziative come queste dimostrano quanto la vicenda umana e giudiziaria di Enzo Tortora, sia ancora viva e presente nell'immaginario collettivo". Lo ha detto il presidente del Senato, Maria Alberti Casellati, aprendo un convegno in ricordo di Enzo Tortora, a 30 anni dalla morte, presso la Sala della Minerva. "Dove eravamo rimasti? Con questa domanda Tortora tornava, da uomo libero e innocente, nelle case degli italiani, attraverso la Tv, parole non casuali, meditate e dirette a quello stesso pubblico che tanto lo aveva amato, un pubblico con il quale Tortora sentiva un legame particolare. A 30 anni - ha aggiunto - ci chiediamo ancora dove eravamo rimasti, quale eredita' il caso Tortora ci ha lasciato, interrogativi sullo stato di salute del sistema giudiziario italiano, e sulla ricostruzione mediatica su un fatto inesistente, un fatto paradossale, un fatto ricostruito sulle pagine dei giornali, prima ancora che nelle aule dei tribunali". Il presidente del Senato ha ricordato Tortora come "uomo colto e gentile, dotato di straordinaria intelligenza e ironia, dai modi garbati, un personaggio pubblico del quale, forse, non si è detto ancora abbastanza. Alle sue idee si deve una delle pagine più creative e rivoluzionarie della storia della Tv, diede voce alla gente e attuo' nei fatti il servizio pubblico. Il caso Tortora ha smosso e continua a smuovere le coscienze di tutti noi, nulla fu lasciato al caso, perfino il suo arresto fu una messa in scena", ha concluso

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

La Discussione - registrazione Tribunale di Roma n. 3628 del 15/12/1953 - C.F. / n. 13130691002
Testata beneficiaria dei contributi di cui alla legge 7 agosto 1990, n. 250 e dal decreto legislativo 15 maggio 2017, n. 70. Contributo incassato per l’anno 2016: Euro 916.960,30