Cerca nel sito

Seguici su Facebook!

Sei qui: HomeSocietàDetenuti di Palermo pregano sulla tomba di Falcone, lette poesie

Detenuti di Palermo pregano sulla tomba di Falcone, lette poesie In evidenza

Pubblicato in Società
17 Maggio 2018 di Redazione Commenta per primo!
Vota questo articolo
(0 Voti)
La cultura della legalità vive nelle parole delle poesie scritte dai detenuti del carcere Pagliarelli dedicate alla memoria di Giovanni Falcone. Un momento di estrema commozione e di grande pathos nel pomeriggio nella chiesa di San Domenico, il Pantheon degli eroi, a Palermo. Proprio davanti alla tomba del magistrato, ucciso dalla mafia, un gruppo di detenuti della Casa circondariale Pagliarelli, in permesso premio insieme alle loro famiglie, ha pregato e letto alcune lettere e poesie scritte da loro. L'incontro è avvenuto alla presenza del priore della Chiesa di San Domenico, padre Sergio Catalano, del presidente dell'Asvope, Franco Chinnici, del professore Alfio Briguglia e del direttore generale della Fondazione Federico II, Patrizia Monterosso. Uno dei nove detenuti ha letto una lettera a Giovanni Falcone molto toccante e recitato la poesia del carcerato. In ricordo della giornata è stata donata al priore Catalano una tavola dipinta da uno dei detenuti raffigurante la Sicilia e al centro l'immagine di Giovanni Falcone.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

La Discussione - registrazione Tribunale di Roma n. 3628 del 15/12/1953 - C.F. / n. 13130691002
Testata beneficiaria dei contributi di cui alla legge 7 agosto 1990, n. 250 e dal decreto legislativo 15 maggio 2017, n. 70. Contributo incassato per l’anno 2016: Euro 916.960,30