Cerca nel sito

Seguici su Facebook!

Sei qui: HomeSocietàScuola, Anief: «Diplomati magistrali, record adesioni per sciopero»

Scuola, Anief: «Diplomati magistrali, record adesioni per sciopero» In evidenza

Pubblicato in Società
12 Gennaio 2018 di Redazione Commenta per primo!
Vota questo articolo
(0 Voti)
"E' un ritorno a scuola sicuramente inconsueto quello che domani attende un milione di alunni della scuola dell'infanzia e due milioni e mezzo della primaria: a seguito dello sciopero dell'ANIEF derivante dalla discussa sentenza prenatalizia dell'Adunanza plenaria del Consiglio di Stato che ha messo fuori dalle GaE i loro docenti con diploma magistrale, condannandoli alla precarieta', domattina migliaia di maestre e di maestri incroceranno le braccia". Lo afferma il sindacato in una nota. Molti di loro con mezzi propri raggiungeranno il ministero dell'Istruzione, per partecipare alla manifestazione indetta dall'ANIEF tra le ore 9.00 e le ore 13.00. Contemporaneamente, sono previsti dei sit-in in diverse citta': i manifestanti si raduneranno, negli stessi orari, davanti gli Uffici Scolastici Regionali di Torino, Milano, Bologna, Palermo, Cagliari, Catanzaro e Bari. "Finalmente - dice Marcello Pacifico, presidente nazionale ANIEF e segretario confederale Cisal - le famiglie italiane si accorgeranno cosa vuol dire perdere il maestro del proprio figlio dopo diversi anni per colpa di una sentenza che non doveva neanche essere pronunciata, vista l'assenza di un conflitto di giudicato per una categoria, composta appunto dai docenti della scuola dell'infanzia e primaria, che e' stato volutamente dimenticato dal Governo e dal Parlamento, anche con l'esclusione dal piano straordinario di assunzioni come dal nuovo sistema di formazione e reclutamento".

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

La Discussione - registrazione Tribunale di Roma n. 3628 del 15/12/1953 - C.F. / n. 13130691002
Impresa beneficiaria per questa testata dei contributi di cui alla legge n. 250/90 e successive modifiche ed integrazioni