Cerca nel sito

Seguici su Facebook!

Sei qui: HomeSocietàLegalità, Fedeli: «Costruire insieme futuro libero da mafie e violenza»

Legalità, Fedeli: «Costruire insieme futuro libero da mafie e violenza» In evidenza

Pubblicato in Società
12 Ottobre 2017 di Redazione Commenta per primo!
Vota questo articolo
(0 Voti)
Il ruolo delle mafie e il restringimento dei diritti, il sistema della corruzione e della violenza (in generale e della tratta) e' stato il tema al centro della prima conferenza del Progetto educativo promosso per il dodicesimo anno dal Centro Studi Pio La Torre a Palermo. A introdurre la conferenza e' stato il saluto del ministro del Miur, Valeria Fedeli, impossibilitata ad essere presente. Nel suo messaggio ai ragazzi sottolinea come "insegnare a individuare il male, educare ad agire nel rispetto delle regole, del lecito e del giusto e' fondamentale per costruire insieme un futuro libero dalle mafie e dalla violenza. La scuola e' presidio di legalita', e' spazio del sapere che scardina le paure in cui si annidano e trovano terreno fertile i poteri criminali. La missione del nostro sistema di istruzione e di formazione deve essere: educare e formare cittadine e cittadini avvertiti, offrendo loro conoscenza per la loro consapevolezza che una vita nella legalita' e' una vita libera da coercizioni, privilegi e corruzione, che guarda all'interesse generale e ha speranza fondata di miglioramento condiviso. Perche' la legalita' - si legge ancora nel messaggio - e' la base del benessere collettivo. Legalita' e' onesta'. E' giustizia. E' etica. E' cultura della responsabilita', del merito. E' sapere di partire da condizioni eguali per poter ottenere risultati che siano il frutto delle intelligenze e dell'impegno. Senza ostacoli o discriminazioni dovuti a scorrettezze o scorciatoie illecite".

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

La Discussione - registrazione Tribunale di Roma n. 3628 del 15/12/1953 - C.F. / n. 13130691002
Impresa beneficiaria per questa testata dei contributi di cui alla legge n. 250/90 e successive modifiche ed integrazioni