Cerca nel sito

Seguici su Facebook!

Sei qui: HomeSocietàBioeconomia, Uricchio: «Impegnati attraverso dialogo saperi»

Bioeconomia, Uricchio: «Impegnati attraverso dialogo saperi» In evidenza

Pubblicato in Società
14 Settembre 2017 di Redazione Commenta per primo!
Vota questo articolo
(0 Voti)
"L'Universita' di Bari e' particolarmente impegnata sui temi della bioeconomia, attraverso iniziative di educazione ambientale, facendo dialogare i saperi e soprattutto promuovendo modelli di sviluppo che sono pienamente in linea con i principi dell'economia circolare". Cosi' il magnifico rettore dell'Universita' degli Studi di Bari, Antonio Uricchio, a margine del convegno su "Bioeconomia. Trend e buone pratiche" in corso nella Fiera del Levante di Bari. Organizzato da EggPlant S.r.l e One Stop Shop for Engagement, Exchange Enterprise e l'Universita' degli Studi di Bari Aldo Moro, con la collaborazione della Regione Puglia e il supporto di CiaoTech S.r.l. (Gruppo PNO), obiettivo del convegno e' quello di creare un momento di discussione tra alcuni dei piu' importanti attori dell'industria, ricerca, politica, economia e associazioni nazionali che contribuiscono attivamente ad un modello di sviluppo sostenibile. "Economia circolare - ha spiegato Uricchio - significa che non ci sono rifiuti, non ci sono residui, c'e' solo utilizzo pieno delle risorse e conseguentemente sviluppo. Questa - ha sottolineato il rettore - e' una prospettiva che impone delle competenze tecnico-scientifiche, ma anche delle soluzioni di carattere organizzativo e gestionale. Ecco perche' - ha ribadito - occorre che competenze concepite in passato come separate, poco abituate a dialogare fra loro, come i saperi scientifici, con quelli economico giuridici, oggi - ha continuato - si incrociano e insieme delineano un nuovo modello di sviluppo".

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

La Discussione - registrazione Tribunale di Roma n. 3628 del 15/12/1953 - C.F. / n. 13130691002
Impresa beneficiaria per questa testata dei contributi di cui alla legge n. 250/90 e successive modifiche ed integrazioni