Cerca nel sito

Seguici su Facebook!

Sei qui: HomeSocietàTurismo : Lisbona, Praga , Varsavia capitali Vegan Friendly

Turismo : Lisbona, Praga , Varsavia capitali Vegan Friendly

Pubblicato in Società
23 Aprile 2017 di Paolo Fruncillo Commenta per primo!
Vota questo articolo
(0 Voti)

Dopo le grandi abbuffate di Pasqua e Pasquetta, sempre piu' italiani decidono di mangiare leggero, seguendo diete vegan e scegliendo percorsi gastronomici alternativi per i prossimi ponti festivi. Hundredrooms suggerisce le capitali europee che stanno diventando sempre piu' vegan-friendly, grazie alla richiesta crescente di ristoranti che offrono piatti privi di ingredienti animali nel proprio menu'. Per questa ragione, Hundredrooms ha stilato la classifica delle capitali europee meglio preparate per questo universo. La classifica di Hundredrooms, basata sul numero di ristoranti vegan in relazione al numero di abitanti delle citta', e' colma di sorprese: Lisbona, Portogallo. Sul podio delle citta' piu' vegan-friendly d'Europa vi e' la capitale portoghese, esistono piu' di un centinaio di ristoranti e negozi per vegani e vegetariani su una popolazione di appena 550.000 abitanti. Uno dei tantissimi ristoranti e' il Jardim das Cerejas, nel centro della citta' offre un buffet di piatti vegani caldi e freddi, insalate e dolci di ogni tipo. 

Repubblica Ceca. Bisogna spostarsi piu' a est per trovare la seconda citta' in cui chi predilige una dieta vegana si trovera' a proprio agio. E pensare che la gastronomia ceca si basa su piatti a base di carne! Invece negli ultimi tempi, le vie della capitale ceca si stanno riempiendo sempre piu' di prodotti bio. Questi negozi offrono prodotti naturali di stagione, ricette nuove che hanno trasformato Praga in una citta' vegan-friendly. Camminando per le vie della citta', si riescono a trovare menu' a meno di 5 euro. I clienti non valutano solo la preparazione artigianale come l'insalata di Avocado del Lehka Hlava, ma anche l'aspetto etico e la qualita' degli ingredienti. A Praga vi sono 34 ristoranti vegani riconosciuti su circa 1.260.000 abitanti. Varsavia, Polonia. Persino il Financial Times, nel suo giro del mondo gastronomico si e' accorto del cambiamento culinario della capitale polacca. Il fenomeno vegan-friendly si sta espandendo a macchia d'olio, con tendenze sempre piu' in crescita. Per esempio, nel Charlotte de Plac Zbawiciela, si puo' bere un ottimo caffe' combinato con un delizioso dolce vegan fatto in casa, con prezzi piu' che economici. Nella citta', oltre il luogo citato, si trovano piu' di un centinaio di ristoranti e negozi che stanno riscrivendo la storia culinaria polacca, non fatta solo di vodka e pesce. Barcellona, Spagna. Barcellona e' considerata la citta' piu' vegan-friendly di tutta la Spagna. Quasi un anno fa il municipio catalano ha onorato la citta' di questo titolo, promuovendo le opportunita' di questo nuovo tipo di commercio sia per gli abitanti che per i turisti. A questa svolta green hanno contribuito piu' di cento ristoranti e locali come il Cat Bar, specializzati in cucina vegana e birre di importazione sin dal 2009. Tra i piatti piu' domandati si trova una grande varieta' di hamburgers vegani; se si arriva in bicicletta si puo' addirittura godere di un 10% di sconto.

Roma, Italia. Riuscira' il Paese con la cucina piu' buona al mondo ad adattarsi all'universo vegano? La sfida e' aperta, dato che la capitale d'Italia conta gia' una cinquantina di ristoranti di questo tipo. A seguire le altre destinazioni vegan-friendly sono Amsterdam, che vede l'incremento di negozi vegan-friendly e in cui e' possibile passare del tempo leggendo un bel libro e sorseggiando ottimi te'. Berlino e' una delle mete con il piu' alto numero di ristoranti che offrono un menu' completamente vegano: 56 esercizi plant-based attualmente aperti. Vienna, nel regno della Sacher stanno nascendo sempre piu' ristoranti totalmente vegani. Londra, la multietnicita' della cucina londinese consente al mercato vegan di espandersi con rapidita'.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

La Discussione - registrazione Tribunale di Roma n. 3628 del 15/12/1953 - C.F. / n. 13130691002
Testata beneficiaria dei contributi di cui alla legge 7 agosto 1990, n. 250 e dal decreto legislativo 15 maggio 2017, n. 70. Contributo incassato per l’anno 2016: Euro 916.960,30